18 mag 2011

This is not a Sacher Torte...

Sacher Torte

... this is a chocolate craving cake.
Confessione n° 2. Detesto la Sacher Torte. Mi rimane sinceramente antipatica, non per niente, ma perché secondo me la marmellata di albicocche con il cioccolato ci sta proprio male. Adoro la marmellata di albicocche e adoro il cioccolato, ma in pendant, diciamocelo, sono decisamente una porcheria.

Ho un ricordo traumatico del mio primo viaggio a Vienna, a sette anni: mi ero incantata davanti a una delle stupende pasticcerie della capitale austriaca, non avevo mai visto delle torte così belle, decorate e, soprattutto, non avevo mai visto una torta rosa. Giuro, la glassa era rosa confetto. Adesso siamo abituati a tutto, ma ve lo immaginate per una bambinetta che, fino ad allora, aveva visto, al massimo, le torte marmorizzate spolverate di zucchero a velo, cosa significava una torta rosa? Rosa Barbie, Rosa Hello Kitty, Rosa Principessa Maria Antonietta che era nata proprio in quella città. Maledetti Giacobini.

La mia mamma, che era una brava mamma, molto attenta a non creare sensi di colpa, frustrazioni e meccanismi perversi di autopunizione, mi promise che, se mi fossi comportata bene per tutta la durata della vacanza, l'ultimo giorno avrei avuto diritto a una fetta di torta. Comportarsi bene significava: tollerare la visita a Schoenbrunn, Hofburg e al Tesoro della Corona, entusiasmarmi sulla ruota del Prater anche se soffro di vertigini e di impiegare 20 minuti a fare un giro non me ne importava niente, non impressionarmi mentre la guida a Mayerling ci narrava della tragica fine del Principe Rodolfo e della povera Maria Vetsera, lavarmi ubbidientemente nei bagni pubblici del campeggio e non chiedere altri regali tranne la fetta di torta.

L'ultimo giorno, appurato che ero una buona larva, mi fu concesso l'ingresso nell'agognata pasticceria, dove le fette di torta diventarono due: io scelsi, naturalmente, quella rosa, ma il mio babbo dichiarò che non si poteva lasciare Vienna senza aver assaggiato la Sacher Torte. Mi ritrovai così in bilico su uno sgabello, con davanti due piattini poggiati su un tavolino minuscolo. A sette anni ero una bambina occhialuta, scheletrica e goffa: la scoliosi aveva cancellato dal mio fitto programma settimanale il corso di ginnastica ritmica e così, anche quel barlume di portamento che la mia natura femminile avrebbe dovuto imprimermi, era andato a ramengo. Uno dei miei soliti movimenti impacciati rovesciò la torta rosa, facendola finire sul pavimento immacolato della konditorei. Di ricomprarla non se ne parlava nemmeno, avevo commesso un errore e non ci si poteva porre rimedio facendone un altro.
Mi rimase la triste, bigia stucchevole Sachertorte, con quel suo color fango e quell'insopportabile contrasto tra la marmellata di albicocche e il cioccolato fondente.
Sarà per questo che la odio tanto? Sarà per consolarmi dei miei traumi infantili che in questa ho messo così tanta cioccolata?

Ingredienti:
Procedimento:
Fate fondere il burro e mescolatevi lo zucchero fino a scioglierlo. Fate intiepidire, quindi separate gli albumi dai tuorli e unite questi ultimi al composto. Aggiungete la farina e il cacao e stemperate bene per ottenere una miscela omogenea e senza grumi. Montate gli albumi a neve ferma e incorporateli delicatamente al resto degli ingredienti stando bene attenti a non smontarli. Versate l'impasto in una tortiera da 18 cm di diametro foderata di carta speciale e infornate a 180° per circa 1/2 ora o finché l'impasto non supererà la "prova stuzzicadenti".
Fate raffreddare la torta, quindi eliminate l'eventuale "cupola" che potrebbe essersi formata sulla sommità, per livellare la superficie. Tagliate il dolce in due dischi orizzontali.
Scaldate la crema di nocciole per renderla più fluida, quindi spalmatela sul primo disco. Sovrapponete il secondo e spalmate anche questo di nocciolata. Ricoprite anche i bordi. Fate fondere il cioccolato con la panna liquida e colatelo sulla torta. Con l'aiuto di un coltello a lama piatta, stendetelo rapidamente su tutta la superficie e i laterali.
Fate consolidare la copertura prima di affettare.

Una precisazione: questa torta è priva di lievito, ma si alza ugualmente grazie al montaggio degli albumi. Inoltre, se avrete cura di usare del burro di buona qualità, malgrado l'assenza di agenti lievitanti,  si manterrà morbida per diversi giorni: mi sono trovata benissimo con il burro Inalpi, uno dei pochi burri italiani derivati da panna centrifugata e non dalla lavorazione di scarti del parmigiano... che magari è anche una cosa degnissima non sprecare niente e riciclare anche i resti di altre lavorazioni, ma, fidatevi, il burro fatto con la panna quanto a sapore è infinitamente superiore (diciamo pure che, per dirla alla Depardieu "Il segreto della vita è il burro" :-) )

50 commenti:

Milen@ ha detto...

Odierei anch'io la Sacher dopo una simile disavventura, ma in compenso la vezzosa tortina di oggi è un'allegra delizia :D

kristel ha detto...

Mi si é cancellato il commento.....
Dicevo....Mi dispiace per questo brutto ricordo. Ma io da piccola facevo cadere spesso il cono gelato a terra. Succede! Secondo me c'é ancora tempo per tornare un giorno a Vienna e gustarti in santa pace una fetta di torta rosa.
Detto cio' io adoro l'abbinamento del cioccolato con la marmellata di albicocche. La sacher é un po' laboriosa, mai fatta. La fa mia mamma perché é la torta preferita del mio babbo.
Sicuramente questa versione é nettamente superiore alla torta rosa di Vienna! :) Baci!

lucy ha detto...

No...che tristezza! mi immagino te da ragazzina in bilico fra una scelta, che oserei dire di vitale importanza!...no...tristezza!!
A me non dispiace ma di sicuro non è tra le mie preferite, assaggerei volentieri la tua!

monica ha detto...

disavventura! comunque questa torta è stupenda, e a guardarla visto quanto è alta non mi viene in mente una sacher torte, Das ist nicht eine Sacher Torte!:)) E' il caso di dire e la tua sembra molto più allettante.secondo me dietro la sacher c'è la tradizione la storia, il segreto, che la rende fascinosa ma il gusto è davvero soggettivo, può non piacere, è vero! fotografia eccellente, brava, :))

Francesca ha detto...

Sì, sono d'accordo anche io: sei sempre in tempo a correre a Vienna a mangiare una fetta di torta rosa...oppure potresti farne una tu per noi ma questa è una proposta interessata...;-)) Intanto bellissima, questa torta!

Federica ha detto...

Con un ricordo così credo odierei anch’io la sacher! L’originale non l’ho mai assaggiata me nelle vaghe imitazioni riprodotte a casa ho sempre sostituito la marmellata di albococche con quella di arance, a mio gusto ci sta parecchio meglio. Certo che se poi mi fai vedere tutto cioccolato...vado in delirio ^__^ Un bacione

Titti ha detto...

Ora capisco perchè non ti piace la sacher!! Piccina, immagino la scena quando hai visto la torta rosa cadere per terra :(
Anche se o personalmente impazzisco per la Sacher, questa non sacher deve essere na bomba: persino più golosa dell'originale !!!
Bacioni, Titti

dolci a ...gogo!!! ha detto...

E ci credo che ti sia venuta una vera è proprio avversione per la sacher e ti confesso serena che anche per me albicocca cioccolato nn mi attira per niente infatti nel mio blog di sacher nemmeno l'ombra:D!!!!meglio quest tua torta cioccolattose e deliziosa che mette voglia di addentarla anche da dietro il monitor!!!Baci,Imma

Cey ha detto...

Pensa che io ho una storia simile ma al contrario nel senso che io volevo terribilmente mangiare la sacher torte di vienna e blabla ma l'infido padre di quello che era il mio fidanzato mi aveva propinato un'altra torta e insomma ero ospite e blablabla. Una sofferenza assurda però. Tutto questo per dire che la sacher l'adoro ma la tua cioccolatosissima torta non me la farebbe rimpiangere nemmeno per un istante.

Mary ha detto...

certo per assaggiare l'originale dovremmo andare a Vienna ma noi ci accontentiamo di quello che si avvicina. la tua di torta è a dir poco meravigliosa.

ELel ha detto...

Che trauma!!!! Io invece non amo la marmellata di albicocche eppure credo che nella Sacher ci stia magnificamente, de gustibus...e poi non ho avuto traumi come il tuo ;))

Elena ha detto...

Povera piccola :( che ricordo triste. Con questa torta cioccolatosa invece hai fatto felici tutti noi che ti seguiamo! Un abbraccio

Lia ha detto...

Che storia triste!!!Senza voler discutere, mi sembra abbastanza ridicolo non ricomprare un pezzo di dolce a una bimba,poi parlo io che facevo la festa quando mia madre mi comprava i fiocchi di mais glassati...un vero lusso che si ripeteva solo qualche volta all'anno.
Io la sacher la faccio sempre con la marmellata di arance...non sarà la vera ricetta ma l'accostamento mi piace molto di più, sacher-lia!:O)

eli ha detto...

Ooooooh, finalmente ho trovato qualcuno che, come me, odia la Sacher.
Quando lo dico... di solito mi guardano come se fossi una pazza in preda ai vaneggiamenti.
Ma comeee? non ti piace la Sacher? ma se è divina!!!

Devo anche dire che la marmellata non mi piace nelle torte, è troppo dolce, preferisco le abbinate pane e marmellata o omelette confiture!

Poverina, mi sembra di vederla la tua faccina quando è caduta la torta! :(

Olga ha detto...

Io preferisco la tua variante!!!buonissima!!!olga

Onde99 ha detto...

Grazie a tutti, anche da parte della Serena-bambina.
@ Lia: anche a me sembra stupido, ma ai miei tempi i bambini si educavano così, soprattutto se i genitori erano abbastanza in là con gli anni da aver vissuto la fame del periodo bellico

arabafelice ha detto...

Oh mamma, dopo un'esperienza simile certo che la odi!!!
Pero' credimi, mi piacerebbe andare a Vienna con te e portarti dove fanno la VERA Sacher...chissa', magari decidi che la odi definitivamente ma potrebbe anche essere che ci faccia pace, chissa' :-)

Beh, intanto arraffo la tua versione che e' proprio bella!

Mari e Fiorella ha detto...

Molto cioccolatosa e sicuramente deliziosa e non sei tornata a Vienna a mangiar la torta rosa? Buona giornata!!!!!!!

Claudia ha detto...

Io invece la sacher la adoro!!! Però ammetto che anche questa tua verisone alternativa non è niente male!!!! Bellissima anche quell'alzatina!;-)

elenuccia ha detto...

Mamma mia un incubo, io sarei rimasta paralizzata a vedere la mia bella fetta di torta rosa sul pavimento...che brutta esperienza :(

Onde99 ha detto...

@ Arabafelice: ma ci sono tornata a Vienna, all'Hotel Sacher, e, ribadisco, non mi piace...

Simo ha detto...

Tripudio di golosità cioccolatosa! All'ennesima potenza!
Io però sono a dieta, sigh........
Un abbraccio cara

Silvia & Olivia ha detto...

Anche a me stona il connubio albicocche cioccolato ma sono curiosa di mangiare una sacher fatta come si deve prima di escluderla del tutto. Questa torta comunque potrebbe consolare quasi tutto!

Saretta ha detto...

Nessun trauma infantile, a me la Sacher proprio non va giù, tanto meno quella del famoso Hotel(che, tra l'altro, fa una cioccolata a dir poco pessima, brodolosa...).Io amo la linzer e la tua mi piace da matti!
Ce voglia di tornare a Vienna però...bacione

raffy ha detto...

anche a me non fa impazzire, ma questa invece...ho l'acquolinaaaaaaa!!!

Romy ha detto...

A parte la ricetta che è buonissima come sempre...ma sei una scrittrice nata! :-)

Anonimo ha detto...

Anche io la detesto. Quella marmellata dentro, di albicocche poi!
Perdonami, ma io ho riso di gusto dopo questa tua disavventura...forse perchè ero goffa anche io da bimba. Cioè, non è che sia migliorata nell'età matura, ma tant'è!
Ma quell'alzatina, quanto è bella?! E la nocciolata l'ho provata ed è molto buona.
Insomma, brava
Dony

Acquolina ha detto...

che brutto ricordo! succede, ma da bambini chissà che dispiacere!
io preferisco la marmellata alle arance amare con il cioccolato, una delizia ;-P

Erica ha detto...

io invece la amo alla follia eheh però non me la son mai mangiata come ripiego ad una torta rosa... quindi ti capisco ;) eheh bella ricetta :D

Gio ha detto...

capisco perché odi la sacher! :)
io avrei rivolto il mio malanimo anche verso mio padre visto il mio caratteraccio :D
buona la tua torta supercioccolatosa!

Loredana ha detto...

Propongo un club anti sacher ...chissà com'era la tua torta rosa, magari provi a fare una tua versione o creazione , continuerò a seguirti.
Ciao loredana

Tortino al cioccolato ha detto...

ankio amo la marmellata di albicocche, amo il cioccolato, ma odio la sacher!!! il tuo dolce dev'essere delizioso!!!

Giulia ha detto...

E' molto bello leggerti. Complimenti, davvero.
Grazie per questi ricordi e santo cielo per questa ricetta a dir poco strepitosa.

Verdepomodoro ha detto...

noooooooo..... ma come!la torta rosa.... sarà che la sacher si apprezza piu da grandi, ma concordo che sorbirsi il tour dei palazzoni viennesi a quell'età non è il massimo! vieni a trovarmi che c'è un giveaway che ti aspetta! ciaoooo

Passiflora ha detto...

la tua torta sembra una goduria, nemmeno io adoro l'abbinata marmellata di albicocche-cioccolata e quindi preferisco altre torte cioccolatose alla sacher... questa è da provare!

Micaela ha detto...

questa è da svenimento.... io non avrò mai il coraggio di fare una torta simile... la vedo troppo laboriosa però mi affascina!

Dora ha detto...

Viva-il-cielo qualcuno che la pensa come me! Sarà che non amo i dolci stucchevoli e troppo pieni di cose, ma l'abbinamento marmellata-cioccolato l'ho sempre detestato.
Molto meglio la tua torta!

Patrizia ha detto...

Oh povera stella. dopo un'esperienza così l'avrei odiata anche io, la torta scura e minacciosa! Ma quando sei tornata a Vienna, ti sei andata a sbafare un chilo di torta rosa? Spero proprio di si!
Intanto grazie per questa splendida versione, me la acchiappo: vorrei proprio provarla!!

Onde99 ha detto...

Grazie a tutti!
@ Micaela: no, ti assicuro che è semplicissima, l'unica cosa noiosa è tagliare il dolce con precisione, per il resto è tutto molto facile.
@ Patrizia: no, tesoro, quando sono tornata a Vienna ho semplicemente dato un'altra possibilità alla sacher. E mi ha deluso di nuovo.

Anonimo ha detto...

Dire che non piace una cosa è un conto, ma che la marmellata di albicocca e il cioccolato insieme siano una schifezza mi sembra eccessivo: è un abbinamento che io,e molti altri a giudicare dal successo della sacher, adorano. Mi sembri, perdona la franchezza, un po' presuntuosa. Non hai un ristorante, non hai scritto libri di cucina, non sei conosciuta al di fuori del tuo blog. Un po' poco per dettar leggi universali in cucina no?

Simona

Wennycara ha detto...

Mi ha fatto tanta simpatia la tua introduzione {anche se mi dispiace per la tua disavvntura!}.
Grazie per la dritta sul burro, voglio proprio sentire la differenza :)

wenny

Onde99 ha detto...

@ Simona: non sto mica dettando leggi universali. E' il mio blog e ho il diritto di dire la mia. E poi chi ti ha detto che non ho mai scritto libri di cucina? O che non me ne occupo a livello professionale? Il fatto che non ne parlo qui? Magari non ne ho bisogno.

Anonimo ha detto...

Non ne hai bisogno, ma giusto per dovere di cronaca riporto ciò che tu hai scritto: "Mi rimane sinceramente antipatica, non per niente, ma perché secondo me la marmellata di albicocche con il cioccolato ci sta proprio male". Dove è scritto che "fa schifo"?
E poi, a molti piace la Nutella, a mia cugina provoca conati di vomito. Quindi? La vogliamo mettere al rogo porastella?
La sputasentenze ci sarà sempre Serena, il livore in rete come nella vita reale ormai è giunti livelli stellari.
Dony

Paola ha detto...

ma che storia tristeeee! povera piccola :-(

meno male che ora le torte si possono avere di tutti i colori :-D

in compenso questa tua ricetta sembra davvero buonissima!!

Romy ha detto...

@ Simona...Sei un po' cattivella...Possibile che un'affermazione come quella che ha fatto Serena sulla Sacher abbia smosso in te tutto questo livore? In fondo se non le piace non le piace...meglio per le persone come noi, quelle a cui piace: vorrà dire che ci sarà una fetta in più , quella di Serena! Sinceramente non vedo il motivo di tanto attrito: e poi è davvero di cattivo gusto tirar fuori il Curriculum di persone, di cui oltretutto ben poco sai...sappi che per dare un giudizio personale sulla Sacher non è che occorra per forza essere Chef 3 stelle in un ristorante parigino...basta averla assaggiata!

Onde99 ha detto...

@ Romy: e soprattutto a me rimangono due fette in più della mia torta, le vostre ;-)

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao, con un aneddoto così certo che la sacher ti è rimasta in antipatia! Secondo noi invece l'abbinamento marmellata di albicocche e cioccolato non è male, sopratutto perchè spezza il troppo cioccolatoso che per noi ha questa torta.
Da provare anche la versione con la crema di nocciole però....te ne è rimasta ancora una fettina vero?!
baci baci

Barbara ha detto...

Che storia! Io sono stata diverse volte a Vienna e non ho mai assaggiato la Sacher originale, eppure la versione casalinga mi piace. Comunque ho due amiche con i tuoi stessi gusti, ogni volta che preparo la sacher la sezionano attentamente col coltello per eliminare la zona con la marmellata e si mangiano tutto il resto. De gustibus ;)

Alex ha detto...

Idem, la Sacher proprio non mi va giù. E ti dirò: a me non piace proprio l'abbinamento cioccolato-frutta. A ME. Poi altri ne andranno matti :-)
Un abbraccione
Alex

Anonimo ha detto...

Se proprio vogliamo citare citiamo tutto "Adoro la marmellata di albicocche e adoro il cioccolato, ma in pendant, diciamocelo, sono decisamente una porcheria". Equivale a dire che fanno schifo o sbaglio?
Inoltre la mia idea sulla presuntuosità non si basa certo su questa singola affermazione, vedo che scorre in quasi ogni singola ricetta. Difatti sono capitata su questo blog per caso, e non gradendolo non tornerò più.

Simona