01 giu 2011

Torta Foresta Nera

Torta Foresta Nera
Questo non è proprio il mio tipo di torta. O, meglio, sono io che non sono il tipo di ragazza da Torta Foresta Nera.
Lo sapete, cioè, più che altro lo vedete da quello che pubblico: mi piacciono le torte asciutte, compatte, con pochi fronzoli.
E, cosa più importante, non s(apev)o montare la panna. Giuro, l'ho sempre trasformata in burro.
Ma questa mia preferenza rischiava di mandare in crisi la mia relazione. Quanto mi piace dire "la mia relazione" fa molto torbido, non trovate? Fa pensare a reggicalze e cene al lume di candela, non che giriamo per casa in pigiama e pantofole morsicate dal cane e che la cesta della biancheria da stirare è sempre piena...
Insomma, dicevo che a Topy79 piacciono le torte con la panna. Molti strati di torta e altrettanti di panna. Per il compleanno mia suocera gli prepara sempre un pan di Spagna bagnato nel latte, farcito con crema pasticcera e fragole e sormontato di panna.
Ora, però, siccome la mia è una "relazione" e non un compleanno di bambini, ho pensato che se si trattava di sdoganare la torta multistrato, bisognava farlo per bene.
Con una delle torte più sontuose e decadenti che mi venivano in mente.
La Torta Foresta Nera.
Credo di aver confrontato almeno 3 ricette, quella acclusa alla confezione di amarene, quella della Blake e quella della Andrieu e alla fine ho riunito di ciascuna gli aspetti più golosi, scegliendo una versione che voleva una farcitura di panna, amarene e addirittura confettura di ciliegie (per non esagerare ho utilizzato una marmellata biologica, senza zuccheri aggiunti) ottenendo una cosa che non so come abbiamo fatto a finirla in tre giorni senza dividerne con ospiti o amici nemmeno un pezzettino.
Devo ammettere che l'aspetto non è perfetto, forse più che Foresta Nera si potrebbe chiamare Cascata di Sciaffusa, perché temo di aver esagerato con la panna montata, ma, per una volta che ero riuscita a non farla impazzire, mi sembrava giusto sfruttarla tutta, quindi l'effetto è abbastanza debordante ed è per questo che non sono disponibili foto della fetta, però giuro che, se riuscite a montarla con un po' più di garbo e vi rassegnate a mettere l'eccesso di panna nel caffè, anziché tentare di incastrarlo tra gli strati, il sapore c'è tutto.

Pensandoci bene forse è il caso di abbandonare per un po' il reggicalze. Giusto per evitare l'effetto culatello.

Torta Foresta Nera

Ingredienti:
Per la decorazione:
Procedimento:
Per l'impasto della torta, ho utilizzato il mio solito metodo brutale di sbattere tutto alla massima velocità nel robot, finché il composto non è risultato gonfio e leggero. Potete fare così oppure utilizzare un sistema più accurato.
Versate in uno stampo di 20 cm di diametro e infornate a 180°, calcolando circa 40 minuti di cottura. Mi spiace non riuscire ad essere molto precisa, in questo, ma ho utilizzato lo Sfornatutto ed ho messo la torta nel forno ancora freddo, quindi so solo che per cuocere ha impiegato 30 minuti dal raggiungimento della temperatura, ma in forno tradizionale non so.
Comunque, fate la "prova stecchino" e lasciate raffreddare completamente.
Intanto mettete la confezione della panna in frigo e, quando sarà fredda, montatela finché non è ben ferma.
Affettate con attenzione il dolce in 3 dischi orizzontali e bagnate il primo con il kirsch delle amarene. Spalmatelo di confettura, coprite con un generoso strato di panna e cospargete con circa 1/4 delle amarene.
Coprite con il secondo disco e ripetete l'operazione, così anche per il terzo, solo che su quello metterete 2 cucchiai di amarene in più.
La ricetta originale vorrebbe un'ulteriore decorazione di riccioli di cioccolato, ma me ne sono dimenticata.

34 commenti:

elenuccia ha detto...

Io personalmente non amo la panna...anzi se devo essere sincera non mi piace proprio...e infatti non ho mai fatto la foresta nera. Ma credo che per un amante sia la torta più speciale che si possa preparare.
Se Topy ama la panna deve essere rimasto folgorato da questa cascata :)

lucy ha detto...

anche io sonno per quelle rustiche e semplici però a differenza della sacher che ti traumatizza questa mi ispira già molto di più!

Simo ha detto...

Neanche io sono una ragazza da foresta nera in verità, ma....una fetta me la mangerei davvero volentieri...ogni tanto uno sgarro alla normalità si DEVE fare!
Ci intingerei il dito in quella panna slurposa, mmmmmmm!!!!!!!!!!!

GRAZIA ha detto...

questa torta è davvero deliziosa...ogni tanto qualche peccato di gola bisogna che ce lo concediamo!!! se vuoi un consiglio x non smontare la panna io di solito metto le fruste e la ciotola nel frezeer anche tutta la notte e la panna si monta che è una meraviglia ...ciao e buona giornata

Amaradolcezza ha detto...

:D
questa torta è goduriosissima!!!
tutta quella panna sopra chiama scarpetta con il dito :P
un abbraccio grande

Acquolina ha detto...

la panna da sola non mi piace ma se accompagna le amarene, come in questo caso, è buonissima, e poi per un compleanno ci vuole! :-D

In cucina ha detto...

ma che bello spettacolo!!! meravigliosa fotografia!!

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao Onde! mamma che torta super! cioccolato ed amarene è un duo davvero irresistibile!
Secondo noi però è anche molto bella da vedere..e siamo CERTE sia fantasticamente golosa!!
bravissima!
baci e buona giornata

Federica ha detto...

Anch'io non amo molto la panna, giusto una tantum un ciuffetto su una coppa di gelato. Preferisco di più le torte rustiche, quelle della nonna per capirsi, ma per gli amanti del genere sicuramente è una torta che merita. E indubbiamente fa una gran bella figura. Un bacione

annaferna ha detto...

non sarò mai capace di una impresa del genere!!
cmq brava per esserti votata al sacrificio e che sia apprezzato!! ^____^
baci

Saretta ha detto...

Oddio che ridere che mi fai fare!!!hahah deporre il reggicalze per evitare l'effetto culatello, hahahaha.
Anche il mio fidanzato, al contrario di me è super amante delle torte pannose...Una buona panna piace anche a me ma, non vado matta per quel genere di dolci.Certo che questa foresta nera, farebbe capitolare anche me!!!

Shade ha detto...

diciamo che tendenzialmente amo le torte asciutte ma la foresta nera è una mia dolcissima eccezione! soprattutto perchè la bagno con abbondante grappa alle ciliegie!
ne e' avanzata una fetta, per caso?

Elena ha detto...

Onde, ma che torta lussuriosa! ;)

Carolina ha detto...

Io direi che hai sdoganato alla grande! ;)
Invece la tua amica, che è esageratamente golosa di natura, ama proprio questo genere di torte. Più roba c'è e più son contenta. :)
Sei in partenza, giusto? Goditi un po' di sano relax...
Un abbraccio!

raffy ha detto...

dico sempre che la voglio provare... guardando la tua mi hai proprio convinto!! bravissimaaaaaaaaaaaaaaaaa

Anonimo ha detto...

splendida la torta, ma la "panna" è quella vegetale a lunga conservazione! sei stata obbligata causa intolleranze o allergie?

Chiara

Titti ha detto...

Cascata di Sciaffusa?! ahahah! Mi fai morire!!! Personalmente, da vera fan della panna ( ne potrei mangiare a quintali con le fragoline di bosco), trovo questa torta magnificaaaa! un vero trionfo!!! Bacioniiiii

Onde99 ha detto...

Grazie a tutti
@ Anonimo (Chiara): no, nessuna allergia (magari fossi allergica a qualcosa, forse mangerei meno), semplicemente con l'Hulalà mi trovo bene, sia perché già zuccherata, sia perché, essendo a lunga conservazione, posso tenerne una scorta e decidere di usarla quando ne ho bisogno, anche all'ultimo momento

Micaela ha detto...

tesoro è stupenda questa torta, dev'essere un sogno... in questo momento affonderei un mega cucchiaio.... sono di corsa e non riesco a leggere l'intro, uffi :-(

Romy ha detto...

L'effetto culatello... ihihih!! :-DDDD

A parte gli scherzi, doveva essere squisita...ma è il compleanno di Marco?.... o ho capito male? Se sì, tanti auguri mitico Topy!

dolci a ...gogo!!! ha detto...

O mamma Serena questa invece è proprio la torta che fa per me:D!!!!!!E' divina tutta pannosa assolutamente perfetta,una vera goduria!!!!!Bacioni grandi,Imma

neve di marzo ha detto...

che torta invitante mi ci butterei a tuffo,brava!

eli ha detto...

Reggicalze? lume di candela?...mi sa che la torta ha fatto il suo effetto! O almeno...per un attimo vi ha trasportato in un altro scenario! eheheheh!
Scherzi a parte, anche a casa mia, io mangerei solo torte rustiche e mio marito nuoterebbe in vasche di panna e mascarpone!
E scommetto che Topy ha apprezzato la panna strabordante!

Mau ha detto...

Ondina! Ma sai che l'altro giorno ho visto la torta foresta nera su uno dei libri bimby che ho appena comprato? (ecco nuova mania, oltre ai mille libri tradizionali, ho iniziato con questi, in maniera IMBARAZZANTE!!) E ho pensato che potrei farla a Lele, è una delle sue preferite in assoluto, magari mi butto... Anche io sono più da torte asciutte, ma sarebbe carino fargli una ciccioneria così! :)

Erica ha detto...

eheheh il pensiero sulla parola "relazione" mi ha proprio fatta ridere :D
La torta a me piacerebbe un sacco eheh ^_^

Gio ha detto...

vedo che lo stimolo a provare una 'multistrato' ha dato i suoi frutti :D
a me piace e tanto!

Katia ha detto...

Il tuo tentativo di sdoganare la multistrato bagnata col latte, immortalato peraltro con foto pop che adoro, e' sorprendente e riuscitissimo... secondo me hai dato una svolta alla vita di topy79! Brava Onde! :)

Ely ha detto...

anche per me queste torte sono un pò da film, on mi ritengo all'altezza per poterle fare, sono più per il dolce casalingo, ma devo dire che è splendida e penso proprio che il sapore sia paradisiaco, la tua relazione è salva :-)))))) e l'immagine finale del reggicalze è davvero splendida :-) baci

Cinzia ha detto...

Ah ah ah, l'effetto culatello è terribile!! Da salame legato!
Cmq anche a me piacciono le torte semplici...basta che ci sia la PANNA!!;-)
Bellissima la tua, non potevo non commentarla!

Pippi ha detto...

Mi hai fatto morire con questo post!!!!
per prima cosa devo dire che neanche io sono un tipo da foresta nera...anche se ...devo ammettere che una fetta con quella panna (montata benissimo tra l'altro) me la sbafferei subito.....
però per proteggere la propria 'relazione' bisogno fare questo ed altro !! hehe
un bacione e buon due giugno
Pippi

Mary ha detto...

ok allora visto che qui siete in tanti a non piacere la panna me la passate a me che sono golosa. Brava onde questa torta è stupenda mi ci tufferie dentro.

Mari - Rose di Burro ha detto...

Una che riesce a far impazzire anche la panna vegetale a lunga conservazione, merita tutto il rispetto di questo mondo se è riuscita a produrre tale meraviglia! Io al contrario di te, sono MOLTO tipo da Foresta Nera e la tua versione strabordantemente pannosa è bellissima! :-)

Agnese ha detto...

questa classica torta l'adoro. Non l'ho mai preparata finora ma deve essere speciale e poi ha dei colori stupendi! E' proprio invitante, anche per via di tutta quella panna! Cambiando argomento, vorrei proporre una cosa e mi scuso da subito se sfrutto questo commento per parlarne ma penso sia un'idea carina e spero possa interessare qualcuno. Ho appena inaugurato un'iniziativa nel mio blog per parlare di foodphotography ed utilizzarlo anche come forum per chiedere ed avere consigli fotografici. Se qualcuno ha argomenti da proporre o domande da fare ... basta commentare chiedendo! Chiunque può partecipare a qualche eventuale discussione chiedendo o dando consigli....sono così pochi i siti web dove trovare qualcosa riguardo alla foodphotography e quei pochi che si trovano non sono italiani! Un caro saluto!

Passiflora ha detto...

allora io concordo con te sulle torte, viva quelle asciutte o umidine per via della frutta, una bella fetta da mangiare con il té e via! la panna montata no, non è il mio elemento, devo dire però che il figurone che fa questo genere di torte... è imbattibile! bellissima!