1 feb 2016

Spezzatino di Tofu come quello vero


Dicevo giorni fa che quando si pubblicano ricette un po’ datate, non è semplice presentarle, perché, a meno di non voler dichiarare una roba tipo “Evviva, ho scoperto come si fa lo spezzatino vegano che sembra spezzatino vero” , spesso non si riesce più a ricreare l’atmosfera o lo spirito che aleggiava in cucina quel giorno.


In questo caso, invece, me lo ricordo. Era l’ultima domenica prima di Natale, il resto del mondo era a un trekking e io me ne stavo a casa, a morire di freddo, con l’influenza, il mal di testa, la tosse e tutta un’altra serie di acciacchi accessori. Il problema di vivere da soli è che quando stai poco bene non c’è un cane che ti prepari un brodino. Non dico di pollo, anche il dado basterebbe. E se hai già scongelato il tofu, o qualsiasi altra cosa, non c’è niente da fare, ormai devi cucinarlo.

Per fortuna il procedimento è semplice, lo stesso che da sempre si usa per l’equivalente carnivoro, pelare le patate mi piace (lo trovo catartico) e con la scusa dell’influenza ci ho messo anche un goccio di vino, così, per accompagnare gli antibiotici.   



Ingredienti


Procedimento:
Riduci il tofu a cubotti molto piccoli. Monda le patate e riducile a tocchi di diverse dimensioni. In questo modo, quelli più piccoli si disferanno in cottura a formare una crema, quelli più grandi rimarranno interi.
Monda la cipolla e fanne un battuto.
Scalda l’olio in una pentola di coccio, con l’alloro, il rosmarino e i semi di finocchio. Aggiungi le patate, il tofu e falli saltare per un paio di minuti, per insaporirli. Sfuma con il vino e alza la fiamma per farlo evaporare. Unisci il concentrato di pomodoro, il dado e due tazze d’acqua.
Lascia sobbollire coperto per circa ½ ora, quindi saggia la cottura delle patate. Nel caso cuoci ancora a fuoco basso per un po’, quindi scopri e fai ridurre il fondo per renderlo denso.
Completa con una macinata di pepe.

Come tutte le pietanze dense di spezie e aromi, la cosa migliore sarebbe lasciarla raffreddare completamente e poi scaldarla di nuovo, ma se non hai tempo va benissimo così.


So che mi ripeto, ma essere vegetariani e appassionati di vino allo stesso tempo non è semplice. Quasi sempre sugli abbinamenti, a meno di non rimanere nella comfort zone dei bianchi freschi e dei rossi poco corposi, si finisce per scegliere etichette che soverchiano la struttura del piatto, soprattutto in termini di consistenze, al resto si rimedia facilmente utilizzando molte spezie.
Quasi tutti i vini rossi importanti diventano da meditazione e a me va bene così.
Sul Varramista Rosso da meditare ci sarebbe parecchio, a partire dai ricordi luminosi di un bel pomeriggio passato nell’omonima tenuta, in tempo di vendemmia. Ma, anche non essendoci mai stati, un calice di questo pregiato Syrah in purezza racconta già da solo molto dello scenario mozzafiato da cui proviene: dopo oltre un anno in barrique,  si presenta di un rosso rubino cupo, caricato di spezie esotiche, il caratteristico pepe, la liquirizia, tra cui si insinua, senza invadenza, la dolcezza vanigliata del legno.

In bocca è caldo, rotondo, molto corposo e intenso, si confermano le speziature, ma senza spigoli, e il retrogusto è abbastanza persistente da regalare grandi soddisfazioni senza dover eccedere, un po’ come accade con la cioccolata, che quando è buona ne basta un quadratino… 

7 commenti:

Dolci a gogo ha detto...

Tesoro credimi anche se vivi con qualcuno il brodino ti tocca preparartelo lo stesso da soli:-D:-D:-D!!! Lo spezzatino di tofu mi manca e sono proprio curiosa di provarlo, mi salvo la ricetta!! Baci grandi

eli ha detto...

Sono d'accordo con il commento qui sopra riguardo al brodino ahahahah! h
Ho un rapporto di amore odio con il tofu. Sa di tofu! Per quanto lo copro con altri sapori, la sua "tofaggine" viene sempre fuori.
La versione spezzatino aromatico mi intriga e forse...che sia la volta buona?
bacio

Rosiana Monbon ha detto...

La ringrazio molto per tutti i vostri suggerimenti su questo sito. Le vostre azioni sono molto interessanti e molto gratificante. Complimenti a voi.

voyance gratuite ; voyance gratuite par mail

lucy ha detto...

non l'ho mai fatto ma penso che sia gustoso altrettanto!

Elena Siano ha detto...

Ecco...lo stufato con le patate è un piatto che mi prepara sempre mio padre da quando mamma lo ha messo in cucina al suo posto dopo essere andato in pensione...io non ne avrei il tempo arrivando sempre troppo tardi...forse un po'di brodo von il dado...quello si..sei riuscita a coccolarti nel modo giusto...grande Sere.

lin ha detto...

Ça fait plusieurs fois déjà que je Consulte el blog ton et je te dis BRAVO, c'est super! :) Continuación comme ça !!!
voyance mail gratuite

Blogger ha detto...

SwagBucks is a very popular get-paid-to site.