10 mar 2014

Fondutina degli Innamorati con Noci, Rosmarino e Pepe Garofanato


Ho battezzato questa ricetta “degli innamorati” perché è un piattino molto intimo, da condividere con qualcuno con cui si è molto in confidenza: è una fonduta piccola piccola, contenuta in un cestino altrettanto piccolo anch’esso di formaggio e si mangia stando vicini vicini, quindi richiede un affiatamento molto stretto, anche più della fonduta classica, quella che si prepara nell’apposita casseruola.
E’un’idea molto romantica e forse avrei dovuto pubblicarla un mese fa, per San Valentino, ma me ne sono dimenticata.
A Firenze c’è un ristorante specializzato in fondues e bourguignonnes e sono andata a cena sabato scorso: ho mangiato una fonduta buonissima di Vacherin e Gruyère fusi nel sidro di mele, accompagnata da un riesling alsaziano che sarebbe stato eccellente se non ce l’avessero servito ghiacciato. E’un vero peccato quando i vini aromatici vengono tenuti a temperature troppo basse, gli aromi fanno fatica a sprigionarsi e per il formaggio non sono più molto adatti.
E’per questo, forse un po’ traumatizzata, che per la mia fondutina ho scelto un vino intenso e caldo, che sostenesse il sapore pastoso del formaggio, il profumo balsamico del rosmarino e soprattutto la nota speziata del distillato di mele e del pepe garofanato, il Nearco Sant’Antimo, unico blend delle Cantine Col d’Orcia, prodotto da uvaggi bordolesi che nei terreni ciottolosi e calcarei attorno a Montalcino trovano condizioni di sviluppo eccellenti.
Merlot, Cabernet e Syrah vengono vinificati e affinati separatamente in barrique e poi assemblati per un ulteriore passaggio, sempre in barriques: queste pratiche contribuiscono a creare un perfetto bilanciamento tra i tre uvaggi e a realizzare un vino che, già all’esame visivo, promette, con il suo colore cupo, una maestosità che si ritrova nel profumo intenso di frutti rossi, nella speziatura pepata e nella nota di legno vanigliato della barrique, che, contrariamente a quanto accade spesso, non copre, ma esalta gli altri profumi.
Il sapore è equilibrato, con una venatura sapida inaspettata, che lo rende interessante.
Forse meritava un umido di carne rossa, ma, tant’è, io preferisco il formaggio.



Ingredienti:

Procedimento:
Tosta leggermente le noci in una padella senza grassi e lasciale raffreddare da parte.
Sistema le due forme di Camoscio d’Oro in due cocottes monoporzione che le contengano più o meno di misura (io ho dovuto “pressarle” un po’). Raschia delicatamente la parte superiore con un coltellino, per eliminare lo strato sottile di crosta bianca e incidi la superficie con un coltello affilato, arrivando in profondità, ma senza intaccare il fondo e i laterali, devi solo creare delle fessure. Tra l’altro nel Camoscio d’Oro sono già presenti degli intagli, puoi seguire quelli.
Inserisci all’interno di ognuno un pezzettino di noce, un grano di pepe pestato al mortaio e qualche aghetto di rosmarino.
Completa con una spruzzata di Caldiff e inforna a 180° per 20’, finché il formaggio non ribolle.

Condividi la fondutina con una persona che ami, pescando insieme il formaggio fuso e i pezzettini di noce con del buon pane tostato o direttamente con il cucchiaino e suddividetevi la crosticina sul fondo, che risulterà deliziosamente croccante.

13 commenti:

Dolci a gogo ha detto...

Che belle queste mini terrine, sono un concentrato di gusto..le adoroooo!!Un bacione,Imma

Carolina ha detto...

La voglio! Adesso! :)
Chissà che bontà estrema… E poi vogliamo parlare del nome "fondutina degli innamorati"? Bellissimo.
Buon lunedì e un abbraccio,
Caro

Kittys Kitchen ha detto...

Ma si questo è un piatto da comfortissimo! Consividerlo in due è una cosa bella ma papparselo tutto da sola col pane anche la vedrei moooolto bene! :)

Baci e buona settimana bella!

Valentina Spinetti ha detto...

con questa ricetta mi prenderesti davvero per la gola! Fantastica!
Buonissima settimana cara!

elenuccia ha detto...

Deve essere una delizia. Sai che non avevo mai pensato di fare la fonduta nel forno? non so perchè ma mi ero fissata che servisse l'attrezzatura apposita. Invece quest'idea è davvero geniale

elenuccia ha detto...

Sere dimmi che sti lamponi gratinati al cocco li posti, vero? perche' solo leggere il nome mi ha fatto venire una voglia pazzesca :-DD

Simo ha detto...

beh, anche in tre non deve essere niente male...;)
baci cara!

CONTROTUTTI ha detto...

non potevamo non fermarci a commentare il tuo post, non solo per la bontà della tua ricetta e l'idea della fonduta al forno ma anche per il nome ^_^

Delizia divina ha detto...

Che bella ricetta invitante...

Claudette ha detto...

MI piace il nome, mi piacciono le noci e il rosmarino, ho anch'iole cocottine ma questo è un tipo di formaggio che non amo, peggio poi se è fuso.... per l'innamorato preparerò altro!
Claudette

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao! wow che bella questa presentazione! Serena anche questa volta ci hai conquistate! ottimo formaggio che hai servito in maniera eccelsa e con i giusti sapori!
un bacione

Elena Siano ha detto...

Come si fa a dir di no ad una fondutina cosi'...poi adoro spiluccare in compagnia nello stesso piatto...una bella idea di riconciliazione...le tue escursioni in posti carini ti ispirano sempre in modo geniale...; )

sofy lefour ha detto...

Buona atmosfera, buona presentazione, ecc ... E 'un piacere nel giorno in cui vengono sfogliare ...
Grazie per essere chi sei, e non cambia sopra.
voyance mail gratuite
voyance gratuitement