21 nov 2014

Crostata "Intreccio" (o almeno ci proviamo) con Marmellata di Arance Amare, Nocciole Tostate e Cannella

 Teglia per Crostate Festonata Domo SpA

E’ solo una crostata e non dovrebbe stare qui… la pubblico perché era buonissima e perché, per realizzarla, ho utilizzato un paio di tecniche che avrebbero dovuto, teoricamente, garantirle l’aspetto della classica pie o tart americana: griglia intrecciata e bordi pizzicati…

Beh, immagino di dovermi esercitare un bel po’, visto che il mio compagno, non solo non ci ha minimamente fatto caso, ma quando ho insistito con petulanza perché lo notasse, mi ha chiesto

“E dovrebbe essere una bella cosa, una cosa positiva?”

“Sì… è… è per via di Nonna Papera…”

“Non noto alcuna differenza”

“Ma ho impiegato più di un’ora”

“E perché hai fatto tanto lavoro per una cosa che non si vede?”


Insomma, fai come ti pare, se vuoi arrotolare dei cordoncini di frolla e spargerli a caso sulla marmellata, non sarò certo a io a dissuaderti, tanto mi pare di capire che non importa a nessuno.


Teglia per Crostate Festonata Domo SpA 

Ingredienti:
  • 100 gr di zucchero di canna
  • 1 uovo
  • 100 gr di burro
  • un vasetto di marmellata di arance amare
  • una manciata di biscotti sbriciolati



Teglia per Crostate Festonata Domo SpA

Procedimento:

Nel boccale del mixer, mescola tutti gli ingredienti in polvere, unisci l’uovo e il burro a pezzetti e lavora fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Riponi in frigo a riposare per circa 30 minuti.

Nel frattempo tosta brevemente le nocciole in una padella senza grassi e pestale grossolanamente al mortaio.

Imburra bene una teglia da crostate di 26 cm di diametro e fodera il fondo e i laterali con 2/3 della frolla. Riempi l’interno con la marmellata di arance.

Stendi la frolla restante e ricavane 10 strisce. Mettendo la teglia davanti a te, distribuisci la metà di esse sulla marmellata, orizzontalmente rispetto a te.

Ripiega la prima, la terza e la quinta striscia su sé stesse, molto vicino al bordo, e disponi un’altra striscia verticalmente. Passaci sopra quelle precedentemente ripiegate, quindi ripiega la seconda e la quarta e stendine un’altra per verticale. Ripeti questo procedimento fino a esaurimento della frolla. Ho cercato diversi tutorial per mostrarti come fare, forse il più attendibile è questo, anche se io non ho ottenuto un intreccio così fitto e l’ho realizzato direttamente sulla torta, basandomi sulle indicazioni trovate nel Jamie’s di novembre. Nel link che ti ho dato, consiglia di aggiungere un cucchiaio di aceto all’impasto, per una frolla più elastica.

Per il bordo smerlato, pizzica tutto attorno i bordi tra il pollice e l’indice della mano destra e premi nell’incavo ottenuto con l’indice della sinistra, per formare una specie di V. Anche in questo caso, immagino che l’uso dell’aceto sia utile.

Cospargi la superficie della crostata con le nocciole tostate e le briciole di biscotti e spolvera la griglia con lo zucchero a velo.


Inforna a 180° per circa 30 minuti. 

15 commenti:

Sugar Ness ha detto...

Io dico una sola cosa... "Ah uomini!!!"
A me piace molto la tua crostata, questi abbinamenti di sapori sono una favola!

Simo ha detto...

uh non parliamo di uomini vah......
tutti uguali!
Io lo noto però....bravissima Sere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

elenuccia ha detto...

Io non sono mai riuscita a fare la griglia "vera" che le strisce che si alternato...
comunque sei in buona compagnia, anche in casa mia nessuno avrebbe notato nulla, ma alla fine l'importante è che sia buona, e questa doveva proprio esserlo

Ale ha detto...

Questi uomini non notato mai nulla, deliziosa la tua crostata! I miei complimenti!

Acquolina ha detto...

ma è bellissima! cosa vuoi, avere soddisfazioni in campo culinario dai compagni è sempre difficile!
ciao

Micol Cerruti ha detto...

Adoro questo tripudio di spezie....frutta secca...sapori intensi e autunnali.......una meraviglia.....

Dolci a gogo ha detto...

Tesoro io l'intreccio lo vedo e vedo anche che questa crostata è buonissima con tante spezie golose e anche tanto bella alla baccia dei compagni che non hanno mai una parola buona:-)!!!!Bacioni,Imma

Raffi ha detto...

bellissimaaaaaaaaaa!!! e molto buona... sento un profumino... posso una fetta??!!

Ely Mazzini ha detto...

E' vero che conta più la sostanza che la forma, ma sei stata davvero brava, io non ho mai nemmeno provato e fare la griglia così :)
E poi deve essere di una bontà pazzesca!!!
Ciao Serena, a presto...

Eleonora Gambon ha detto...

Fammi capire...ma perchè non dovrebbe stare qui? Io la trovo rustica, semplice, ma perfetta...E poi ragazza che ripieno goloso!!!

Ketty Valenti ha detto...

Ma guarda a parte che si nota tutto benissimo(ma qui parliamo tra donne e gli Uomini sono fatti in tutt'altro modo)e poi le cose buone meritano sempre di essere condivise anche la tua crostata deliziosa e profumatissima di sicuro,perchè no poverina!?
buon fine settimana
Z&C

Elena Siano ha detto...

Mi piacciono le crostate , lo sai , ma presentarla alla nonna papera è una proposta troppo invitante ...la proverò' domani mattina per la sagra del dolce di beneficenza di domenica ...con il rosso e la cannella mi sento leggera e contenta ....come da bambina !!!!!!!Bacetti

Claudette ha detto...

In fondo non sono proprio le inutili frivolezze quelle che ci fanno sorridere? e allora, anche se nessino lo apprezza o lo nota, intrecciamo lo stesso la crostata...
Claudette

CONTROTUTTI ha detto...

eheheh...certe soddisfazioni le danno solo gli uomini ahah. noi apprezziamo moltissimo

lucy ha detto...

dai che si nota l'intreccio e poi io non ne sono capace per cui apprezzo gli sforzi degli altri.le crostate sono sempre molto confortanti per cui gradite!