07 set 2015

Polpo int all'acqua soja con Strolghino e Bacche di Goji


Il polpo int all'acqua soja non è certo una novità per questo blog: tutte le ricette a base di polpo che ho pubblicato prevedono questa tecnica di cottura, a quanto pare tradizionale, ma che io ho appreso solo pochi anni fa, da, figuriamoci, Jamie Oliver… un inglese che insegna a cucinare a un’italiana… ricette italiane, per giunta, che presunzione. E invece ha ragione, questo è definitivamente e tassativamente l’unico modo per ottenere un polpo tenero e saporito, da utilizzare, poi, per qualsiasi altra preparazione: spiedini, zuppe, ragù…


L’idea di combinarlo con strolghino e bacche di goji è frutto di uno dei miei viaggi mentali, quelli in cui mi lascio trasportare durante i lavori domestici o i trekking (è indifferente), quando l’attività fisica mi impedisce di intraprendere qualsiasi lavorio mentale su argomenti ansiogeni, lasciando spazio, invece, alla creatività, a ritmo di aspirapolvere… 


In ogni modo, che tu venga da un’escursione o da una corvée di faccende, il polpo con lo strolghino resuscita i morti, non c’è altro da aggiungere, se non una bottiglia di Sauvignon altoatesino, per me insindacabilmente il Montan Cantina Tramin, 2013, un'annata felice, in cui le piogge primaverili hanno preparato il terreno alle calde temperature estive. Ritardando la vendemmia dei bianchi di circa 10 giorni, si è voluto approfittare appieno dell'escursione termica tra notte e giorno, per estrarre quanto più possibile il carico delle sostanze aromatiche.
Il Montan si caratterizza per le sue note olfattive, in cui spicca la pietra focaia, accompagnata da quelle erbacee/aromatiche e leggermente piccanti, con qualche traccia di fiori e frutti bianchi. Anche al palato, colpiscono principalmente la sapidità e la freschezza, che, unitamente agli spunti balsamici, bilanciano la tendenza grassa delle carni, la pastosità delle bacche di goji e i profumi pungenti del finocchio. 



Ingredienti:

Procedimento:
Monda i polpi  (è un lavoro noioso e non ho voglia di scendere nel dettaglio della descrizione degli organi da eliminare, perché è tutto molto trash, per cortesia, se vuoi imparare a pulire il pesce consulta un altro sito).
Dadola lo strolghino e soffriggilo in poco olio, con i semi di finocchio, in una pentola capiente. Dopo un paio di minuti, cala i polpi, aggiungi le bacche di goji, chiudi la pentola e abbassa la fiamma. Lascia sobbollire per 15-20 minuti, poi saggia la cottura infilzando le teste con i rebbi di una forchetta.
Lascia raffreddare totalmente i polpi nella pentola, prima di ridurli in tocchetti.
Servili asciutti, anche freddi, o caldi, nella loro acqua di cottura, accompagnandoli con dei crostoni di pane. 

5 commenti:

Dolci a gogo ha detto...

Il polpo e lo strolghino tesoro...che abbinamento affascinante e saporito ed è vero anche qui a Napoli si dice che il polpo si cuoce nell'acqua sua ed è anche un modo di dire di persone che prima o poi diranno la verita:-)!!!!Cara sei smepre onnovativa ed ogni tua idee mi conquista!!Baci,Imma

Federica ha detto...

ogni volta i tuoi abbinamenti delle bacche di goji mi stregano :)
curiosissima di questo originalissimo trio.
un bacio, buona settimana

Annalisa -Piccanti Sapori Speziati- ha detto...

Mi hai fatto sorridere perché mi sono rivista nei momenti in cui anche le mie faccende domestiche mi danno idee culinarie nuove. ...
ottimo e innovativo abbinamento, mi incuriosisce parecchio, complimenti!

speedy70 ha detto...

Questa ricetta mi stuzzica molto..... da provare questo accostamento molto intrigante!!!!

Elena Siano ha detto...

Mi piace l'idea di far volare la fantasia e l'inventiva mentre si fanno le faccende domestiche...lo strolghino è un salame che compro spesso da quando ho scoperto che si vende anche al Lidl...mi stuzzica l'idea di associarla al pesce....baci!!!