21 ott 2015

Torta di Mele Glassata allo Yogurt e Cannella


Se penso a quanti tipi di torta di mele esistono, quante ne ho assaggiate e quanti me ne rimangono da provare, mi dispero perché la vita è troppo breve. Mi capita anche con i libri, il vino, i baci.
Come i libri, il vino e i baci, la torta di mele richiede dedizione, calma, attenzione esclusiva al preciso momento in cui si mescolano gli ingredienti e vi si aggiungono le mele, che siano pazientemente affettate in sfoglie sottilissime o in cubotti grossolani, che siano divise a metà e incise a ventaglio o frullate, quel momento speciale in cui un qualsiasi composto di liquidi e polveri accoglierà le mele e, col calore del forno, si trasformerà in un impasto cremoso e struggente.



Una spolverata di cannella per la nostalgia, una cascata di semini di vaniglia per la carnalità, un bicchiere di mosto dolce per lasciarsi andare solo un po’, sorseggiando le bollicine del Nebbie d’Autunno Medici Ermete, Malvasia di Candia parzialmente fermentata, al fine di contenere l’alcolicità e mantenere, invece, appieno il tenore zuccherino. I profumi sono quelli soavi della malvasia, fioriti di bianco, con qualche accenno di frutta gialla candita e albicocche essiccate, mentre in bocca risulta dolce e brioso grazie al fine perlage.



Ingredienti per la base:
(in alternativa, 180 gr di farina di farro, 60 gr di zucchero, una bustina di lievito in polvere)

Ingredienti per la glassa:




Procedimento:
Mescola le polveri con lo yogurt, l’olio, il limone e lo yogurt, fino ad ottenere un composto omogeneo. Versalo in una tortiera da 26 cm di diametro.
Riduci la mela in fette sottili, disponile a raggera sulla superficie dell’impasto e spruzzale con abbondante sciroppo alla cannella.
Mescola lo zucchero alla cannella e la metà di quello alla vaniglia con lo yogurt e l’uovo e versa la glassa ottenuta sopra le mele. Inforna a 200° per 10 minuti, quindi riduci la temperatura a 180° e cuoci per un’altra mezz’ora.

Estrai la torta e porta il forno alla massima temperatura in funzione grill. Cospargi la superficie con il resto dello zucchero e inforna nuovamente per 5 minuti per farlo caramellare.


9 commenti:

Federica ha detto...

lo stesso nome per un numero infinito di versioni e una bontà che non stanca mai. questa ha tutta l'aria di essere una coccola irresistibile :) un bacio, buona serata

Claudette ha detto...

Sì, la vita è troppo breve, non solo per le torte di mele, i baci, i libri e i vini... io aggiungerei anche i viaggi
Claudette

Claudette ha detto...

Sì, la vita è troppo breve, non solo per le torte di mele, i baci, i libri e i vini... io aggiungerei anche i viaggi
Claudette

Elena Siano ha detto...

Sereeee....Hai ragione ..non basterebbe vita per provare tutte le versioni di torta alle mele...ma una caramellata cosi'non bisogna farsela sfuggire!!!!!!

Simo ha detto...

ogni versione di torta di mele ha il suo perchè, e credimi, ne ho provate davvero tantissime...ma non ce n'è stata una che non mi abbia soddisfatta, mai!
Questa tua deve essere favolosa...
Buona giornata, un baciotto

Dolci a gogo ha detto...

Tesoro io sono affascinata da questa torta perchè riesce a coprire i gusti di tutti e ognuna di noi ci mette il suo ingrediente del cuore e al tua è davvero uno spettacolo!!Un abbraccio forte,Imma

elenuccia ha detto...

Io non mi stancherò mai di mangiare torte di mele. Questa tua declinazione mi ispira moltissimo, mi ispira la rusticità della farina, mi intriga moltissimo quello sciroppo alla cannella (ma perchè io non l'ho mai visto al super?!??), ma soprattutto la glassa. Ohhh si la glassa mi ha conquistato

lucy ha detto...

E QUANTE NE DOBBIAMO ANCORA PROVARE E GUSTARE come per me questa.super golosa, adoro le torte di mele!!

Rosiana Monbon ha detto...

Ciao! Grazie per la vostra ricetta eccellente !!! Sei veramente un vero cuoco !! Congratulazioni e buona fortuna.

voyance gratuitement ; voyance gratuite par mail