05 dic 2016

Camembert al Forno con Bacche di Goji, Pinoli e Salsa Agrodolce


… e va bene, dopo 2-3 anni di semi indifferenza nei confronti del Natale, fatto salvo per qualche episodio di intolleranza pura, provo a rientrare nello spirito festivo, coadiuvata da una situazione personale un po’ felice, una playlist di Bing Crosby, candele profumate e vin brulé lasciato sobbollire a lungo nel coccio, fino a diventare quasi uno sciroppo… 
Tento, quindi, di pubblicare qualche proposta valida non tanto per un menu natalizio in piena regola, per i piatti tradizionali ogni famiglia ha le sue ricette, quanto per quelle piccole occasioni di contorno, gli aperitivi degli auguri con gli amici, l’amica che passa per il the, le serate detox, in cui si fa ammenda con una zuppa calda, accoccolati sul divano con un libro… che poi, almeno per me, sono questi i momenti migliori delle feste, quelli che più parlano di intimità domestica, non riesco a ridurre tutto al climax del 25.
Questa è un’idea carina per un aperitivo o una cena informale, in cui si abbia un po’ di confidenza con gli ospiti, perché si mangia dalla cocotte di cottura. Un’alternativa può essere quella di servirsene una cucchiaiata e depositarla nel proprio piatto, è ugualmente buono.


Dato che ad aprirmi gli occhi sulla magia del Natale è stato un calice di rosé inopportunamente sorseggiato all’ora del the in un locale con vista Ponte Vecchio, inauguro questo ciclo un po’ buonista proponendo in abbinamento proprio un metodo classico dal suggestivo color salmone, un Berlucchi 61 Rosé, ottenuto lasciando macerare brevemente il Pinot Noir sulle bucce e, al momento della preparazione della cuvée, combinandolo con un 40% di Chardonnay, al fine di trovare la quadra tra profumi, corpo e raffinatezza. L’equilibrio raggiunto viene consolidato da due ulteriori anni di riposo sui lieviti e da un periodo di affinamento in bottiglia.
I risultati sono  entusiasmanti: un perlage fine che esplode felicemente in una spuma soffice; un olfatto complesso che, alla classica crosta di pane, fa seguire sentori di frutti rossi croccante e un finale gradevolmente minerale;  una decisa freschezza, bilanciata dalla morbidezza e dalla buona persistenza. 


Ingredienti:
  • 2 cucchiai di miele di castagno
  • 2 cucchiai di senape forte alla Birra Antoniana (distribuita da Casa della Birra)
  • 2 forme di camembert
  • una macinata abbondante di pepe melegueta (Cannamela)
  • una grattugiata di noce moscata
  • due manciate di bacche di goji
  • una manciata di pinoli

Procedimento:
In una terrina mescola il miele e la senape, fino ad ottenere un composto appiccicoso
Taglia le due forme di camembert a metà e cospargi gli strati inferiori con il pepe, la noce moscata e le bacche di goji. Ricomponi il formaggio, nappalo con la salsa alla senape e completa con i pinoli.
Sistema i camembert in due terrine imburrate, che li contengano di misura, e inforna a 180° per 10’. Alza la temperatura al massimo e fai gratinare per ulteriori 5 minuti. Servi subito.




9 commenti:

Manu ha detto...

E' forse una delle cose più deliziose che ci siano!
Ti abbraccio

Eleonora Gambon ha detto...

Eh bè...che dire se non divino?
Comunque sono contenti di sapere che tu stia rientrando nello spirito natalizio causa felicità personale!!

elenuccia ha detto...

Devo ammettere di essere ancora completamente fuori dal "mood natalizio". A parte il Natale, quest'idea del camember in cocotte mi ispira assai. Io non condivido nulla, mi mangio tutta la cocotte :-)

Serena ha detto...

Il camembert al forno è un secondo sfizioso che faccio non di rado ma in genere lo servo semplice con un filo di miele. Trovo invece interessante questa tua variante ricca e la salsa agrodolce mi incuriosisce non poco è da provare durante il periodo natalizio e non. un saluto

Dolci a gogo ha detto...

Mi stuzzica moltissimo tesoro questo tuo piatto veloce e conviviale e poi sai che delizia portarlo in tavola in cocotte!!Io sono ancora con un piede fuori e uno dentro dal Natale:-) ma sai con due bambini sei coinvolta per forza!!!!Bacioni,Imma

Antro Alchimista ha detto...

Hai descritto quel Berlucchi Rosè che mi sembrava proprio de degustarlo!!!! Molto chic e goloso il piatto da te proposto... poi io adoro il camembert! Baci

lucy ha detto...

e dove c'è del formaggio arrivo!!

Elena Siano ha detto...

Concordo sull'idea di Natale come periodo che come giorno in se'...aver decorato casa già mi fa stare più in sintonia con il periodo....se avessi anche un formaggio così conciato per cena sarebbe il massimo!!

voyance en ligne email ha detto...

Obrigado por este artigo, que contém grande quantidade de bons conselhos. Isso é algo que eu tinha dificuldade em entender antes.