20 ott 2008

Strudel: reazione e rivoluzione





Con questa ricetta partecipo alla raccolta "Le ricette del cuore"








ideata da questa pulzella qui.



Quando mia mamma convolò a nozze, tra i regali ricevette l'enciclopedia della sposa e madre esemplare, una specie di breviario in sedici volumi che si proponeva di creare (o replicare) una generazione di Donne Letizie: casalinghe accurate, mogli devote, perfette padrone di casa, cuoche, ricamatrici, insomma, tutto andava bene, purché non coltivassero ambizioni professionali o personali.




"Casa e Cucina" trattava di gestione dell'economia domestica, di salute e di hobbies femminili. Dedicava molte pagine a un lezioso galateo d'antan e suggeriva soluzioni funzionali per l'arredamento dell'antibagno e della stanza del telefono, che tutti sappiamo essere spazi essenziali all'interno di una casa moderna.









Ma soprattutto "Casa e Cucina" era un ricettario. Un immenso ricettario, organizzato in menu il cui solo antipasto apportava le calorie giornalmente necessarie a un uomo adulto che svolge un lavoro manuale, e che invece, l'enciclopedia faceva seguire da un primo asciutto, un secondo di carne, un secondo di pesce, un contorno e il dessert.



Le foto erano finte, troppo illuminate, i colori saturi e le inquadrature di maniera.






Eppure, con tutti i suoi limiti da monumento alla fallocrazia, è a partire da queste pagine lucide e pesanti che la mia fantasia culinaria ha messo le ali: nell'età in cui le altre bambine si lanciavano incantesimi al grido di "pimpurupampuruparimpampù" (ok, un tempo eravamo meno precoci e queste cose succedevano in seconda media...), io me ne stavo appollaiata sulle pompose sedie del salotto, ovviamente scelto e acquistato tramite l'enciclopedia, e mangiavo le ricette con gli occhi, leggendo avidamente i passaggi e tentando di metterli in collegamento con il risultato finale che appariva in foto, Solo mentalmente, ovvio, perché a me il Dolce Forno Harbert non l'avevano regalato e l'unica cosa che mi era concesso di preparare erano le pesche al vino e una brutta torta al miele che avevo trovato sul Manuale di Nonna Papera.



E'da "Casa e Cucina" che mia mamma apprese la ricetta dello strudel di mele.



Lo strudel di mia madre è leggendario: niente a che vedere con quelle sfoglie ripiene di purea di mele preparate in economia che si vendono in pasticceria, ahimé, anche nelle pasticcerie tirolesi, lo strudel di mia madre è ricco, costoso, per farlo serve molta pazienza e per mangiarlo buoni denti.







Quando i miei invitavano amici a cena, qualunque fosse il menu, gli invitati chiedevano a mia madre di preparare lo strudel e quando erano a cena da amici, la padrona di casa la incaricava di pensare al dessert, specificando che lo strudel sarebbe stato preferibile.



Qui va precisato che mia mamma è biologa, insegnava, ama il campeggio, i cani di grossa taglia, si interessa di antroposofia e pratica Chi Kong, ma è una cuoca eccellente e non sa fare solo lo strudel.



E queste richieste così limitative finirono per innervosirla... "Apfel strudel, apfel strudel, come se non sapessi fare altro..." la sentii mugugnare un pomeriggio, mentre impastava la sfoglia.



Ma era troppo educata per dirlo apertamente o per preparare qualcos'altro.



Credo che, per una donna che è nata durante la guerra, che è cresciuta negli anni '50 e che ha messo la laurea in un cassetto per occuparsi di una figlia ingrata, quel giorno, usare le pere al posto delle mele e poi sottolinearlo sia stato un gesto di sedizione apprezzabile.






Ingredienti:

  • 300 gr di farina
  • 2 uova
  • 100 gr ca. di burro
  • latte q.b.
  • 4 pere
  • 100 gr di uvetta sultanina
  • la scorza di un limone (io non avevo limoni biologici, quindi ho usato l'essenza in gocce)
  • 50 gr di pinoli (io ho messo le noci)
  • 50 gr di mandorle
  • 100 gr di zucchero
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 bicchierino di liquore

Procedimento


Si impastano la farina, le uova e 70 gr di burro morbido fino ad ottenere un composto abbastanza malleabile e lo si mette a riposo per un'oretta circa al fresco (ma non in frigo).

Intanto si ammolla l'uvetta, si sbucciano le pere, si tagliano a cubotti e si mettono a cuocere tutti gli ingredienti finché il liquido non si è ristretto. Si lascia raffreddare e intanto si stende l'impasto con un mattarello su un panno. Si distribuisce il ripieno abbastanza uniformemente, ma non troppo vicino ai bordi e, con l'aiuto del panno, si arrotola la sfoglia su sé stessa. Si sigillano bene tutte le estremità e si trasferisce il rotolo su una teglia foderata di carta speciale.

Lo strudel si cuoce in forno già scaldato a 200°, per 30-35 minuti circa.

Quando è freddo, si spolvera di zucchero a velo.




Questa, almeno, era la storia che intendevo raccontarvi quando ho comprato gli ingredienti per lo strudel di pere.



E invece poi sono successe alcune cose, che questo non è il luogo adatto per raccontare, che faranno sì che lo strudel mi rimanga, appunto, nel cuore non solo come il cavallo di battaglia della mia mamma, ma come simbolo dell'inizio di un nuovo modo di affrontare la vita. O almeno del mio proponimento in questo senso.



E, allora, vi prego, fatemi un piacere: stasera, quando tornate a casa, lasciate perdere la polvere, la cesta della biancheria da stirare e i pesti per terra; andate subito a dare un bacio ai vostri bambini, accarezzate il vostro gatto, abbracciate vostro marito. Non li sgridate perché non hanno fatto i compiti, perché hanno sparpagliato la lettiera a giro per casa o perché si sono dimenticati di comprare il pane. Abbracciateli e basta, regalategli un sorriso, un complimento, cucinate con loro e per loro, prendeteli in braccio e ditegli quanto sono importanti per voi.




Perché a volte certe cose scivolano tra le dita, altre volte ci vengono strappate dalle mani e improvvisamente per quello che ci si riprometteva di fare "non appena avessimo avuto tempo" diventa troppo tardi.

14 commenti:

Maya ha detto...

Non puoi capire come mi ha toccato questo tuo racconto..mi ci sono riconosciuta in un sacco di cose che tu hai descritto...
Bacio e complimenti per racconto e strudel

Micaela ha detto...

che belle parole!!! mi hai fatto venire la lacrimuccia!!! è vero, a volte le piccole cose si danno per scontate ma poi ci si rende conto di quanto sarebbero state importanti! che buono lo strudel con le pere, voglio provare questa varinate!
un bacione

manu e silvia ha detto...

Ci venuta la pelle d'oca con questo racconto!
Che strani i libro che anno regalato a tua madre alle nozze..anceeh noi ci avremmo costrutito castelli di fantasia!
Sonos mepre le piccole cose che ci dimentichiamo di valorizzare..ma ce en accorgiamo semre troppo tardi..
Questo strudel sarà anche diverso da quelli classici (non solo perchè ha le pere), ma per noi è buonissimo e ricco di ingredienti.
Un abbraccio forte ed un bacio

Onde99 ha detto...

Amichette, sono contenta di avervi "toccato il cuore"... Vi abbraccio strette strette :-)

kristel ha detto...

Che tenera! Inoltre questo strudel ha un aspetto delizioso. Me lo mangerei volentieri!!
Bacioni!!

manu ha detto...

una fetta a me??? che bontà!!!

Lo ha detto...

ecco ho appena finito uno strudel di mele e tu mi fai tornare la voglia...mia nonna aveva un'enciclopedia pazzesca tipo la donna moderna...io leggevo sdraita sul pavimento in camera tutte le pagine del galateo ch emi faceva un po' ridere e un po' pensare di essere audrey hepburn! un baciotto

Dolce e Salata ha detto...

Grazie mille cara per aver partecipato alla mia raccolta, sei un tesoro!
Al più presto la posto come aggiornamento della raccolta!
Hai visto che sull' aggregatore sono partite un sacco di rubriche?!!!
Mi raccomando..passa spesso a trovarci,spero che il nostro lavoro possa risultare utile a tutte voi!
Baci
Laura

dolci a ...gogo!!! ha detto...

questo è un vero strudell!!bravissima baci imma

Onde99 ha detto...

@ Manu: ce n'è ancora tanto, prendi pure una fetta anche per i tuoi bambini!
@ Lo: guarda, io Audrey Hepburn mi ci sento un po' sempre, ma il manuale di buone maniere di mia mamma al massimo andava bene per Suor Immacolata, nel 1700!
@ Laura: ieri è stata una giornata ipertesa e non ho avuto tempo di guardare l'aggregatore, oggi appena la situazione si rilassa ci faccio un giro
@ Imma: detto da te è un onore!

GràGrà ha detto...

ciccia...ti ho mandato un mp...per favore mi rispondi?

Mariluna ha detto...

sul web cerco sempre ricette di strudel, tante sono le differenze dell'interno ed anche della pasta e so' che una buona roiuscita é proprio trovare quello con il ripieno costoso, fatto di tante cose minuziosamente scelte e ben misurate cosi' come la pasta sfoglia frolla e delicata...copio la tua ricetta ho intenzione di provare perché già dalla foto appare perfetta e mi stimola tantissimo...grazie per il bellissimo racconto commovente.
Buona giornata

Morettina ha detto...

Wowow... sei davvero fantastica!
Un bacione e ottimo strudel

Anonimo ha detto...

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu