23 gen 2012

Pizzette di Polenta Taragna con Ragout di Porcini vegetariano

Pizzette di Taragna con Ragout di Porcini vegetariano
Forchetta da Dessert Broggi, Linea Gualtiero Marchesi
Tovagliolo Il Filo dei Sogni

Non so tu, ma io con i dosaggi della polenta ho sempre qualche problema: anche se seguo le proporzioni indicate sulla busta per 4 persone, dimezzandole, ovviamente, in maniera da adattarsi al formato ridotto della mia famiglia, finisco sempre per prepararne troppa.
E la polenta del giorno prima, diciamocelo, non è buona.
I metodi normalmente utilizzati per farla diventare buona prevedono la frittura, l'aggiunta di una quantità spropositata di grassi e intingoli e comunque molto lavoro e altrettanti piatti sporchi, tanto da farmi pensare che sarebbe meglio cestinare direttamente gli avanzi.
Questa, invece, è una versione rapida e relativamente leggera, ma ugualmente appetitosa. 
La foto non rende, semplicemente perché è quella della prima versione, che ho realizzato e immortalato alla luce del giorno, ma presentava qualche pecca.
A te lascio le indicazioni con cui ho preparato la seconda infornata, la sera, nella quale ho corretto gli errori commessi in prima battuta.

Ingredienti:
Procedimento:
Porta a bollore l'acqua con una presa di sale e versa a pioggia la farina, mescolando bene con una frusta. Cuoci per circa 40', mescolando continuamente ed aggiungendo altra acqua se necessario.
Incorpora 2/3 della ricotta e fai intiepidire.
Appena la polenta si presenterà più consistente, rovesciala su un tagliere foderato di carta forno e, con l'aiuto del dorso di un cucchiaio, stendila allo spessore di circa un cm.
Quando sarà completamente raffreddata, riponila in frigo per tutta la notte, affinché rassodi.
Naturalmente, non devi cuocere la polenta appositamente per realizzare queste pizzette, puoi semplicemente rovesciare sul tagliere quella che rimane da una preparazione precedente.

All'indomani, togli la polenta dal frigorifero e, con l'aiuto di un coppapasta o di un bicchiere, ritaglia dei cerchi di ca. 8 cm di diametro. Elimina l'impasto in eccesso e trasferisci delicatamente il foglio di carta forno su una teglia abbastanza grande, in maniera da potervi far scivolare i cerchi agevolmente, per distanziarli un po'.
Riponi ancora in frigo per ricompattare l'impasto e nel frattempo scalda il forno a 180°.
Inforna per 20 minuti, mentre prepari il condimento: taglia il filetto di seitan a cubotti molto piccoli e saltalo nell'olio caldo per un minuto. Spegni la fiamma, aggiungi il sugo ai porcini e la santoreggia. Mescola bene, ma non far cuocere ancora, il passaggio in forno successivo sarà sufficiente a dare alla salsa la giusta consistenza.
Trascorsi i primi 20' di cottura delle "pizzette", estraile dal forno e distribuisci sopra il sugo. Spolvera con la ricotta rimasta e cuoci altri 5', poi alza la temperatura al massimo e imposta la funzione grill, finché il formaggio non sarà ben gratinato.

NB: i ritagli di polenta avanzati coppando le pizzette, ovviamente, non si buttano, ma si infornano insieme al resto, ben conditi con sale e pepe e si sgranocchiano in purezza.

21 commenti:

Federica ha detto...

le dosi sulle confezioni finiscono sempre così, o sono troppo o troppo poco! ma quando la polenta è troppa non è mai male, a me piace molto di più riscaldata che appena fatta e trasformata così è una vera delizia. Un bacione, buona settimana

dolci a ...gogo!!! ha detto...

E' vero Sere si sballa sempre con le dosi però se avanza un modo di consumarla c'è sempre, in questa preparazione è perfeta, mi pisce moltissimo!!baci,imma

MONIA ha detto...

io ne faccio sempre il doppio xche' il gg dopo ci faccio i gnocchi e sono strepitosi,presto li posto e fidati sono una goduria!!! ^_^

raffy ha detto...

buonissimaaaaaa!!! la adoro con i funghi!!!

Silvia & Olivia ha detto...

Questa versione è buonissima e mannaggia mi hai fatto venire voglia! Ma la polenta riscaldata con una fettina di formaggio che si scioglie sopra, se si ha la fortuna di avere il camino ancora meglio, se la cava lo stesso!
Ciao

Simo ha detto...

splendida idea...io che adoro la polenta, me la mangerei in tutte le forme!
Che bontààààà

Ribes e Cannella ha detto...

io per adesso per non sbagliare l'ho fatta solo quando sono a casa, così siamo in 4 ed è più difficile sbagliare :D è interessante la tua versione!
Buon inizio settimana carissima :*

lucy ha detto...

ma sai che anche io sono cosi!finisco sempre per farne poca e poi mi incavolo!ottima questa ricetta soprattutto molto sfiziosa!

Manuela e Silvia ha detto...

Ciao! comprendiamo bene i tuoi problemi, noi da una confezione per quattro, dobbiamo inventare il dosaggio per cinque! e gli avanzi non piacciono neppure a noi ;)
La taragna è la nostra preferita, anche se fatichiamo sempre più a trovarla....
Ottima questa idea per riciclarla: con un ragù bianco di verdure ci sembra un piatto davvero superbo!
bacioni

Saretta ha detto...

Ah guarda, in casa dei miei la domenica a polenta regna sovrana e...si va sempre ad occhio!Ecco dov'è finito il seitan, bellissima ideaaaa.Baciiiii

kristel ha detto...

Da buona frulana stravedo per la polenta!! Ma é vero che quella fatta in casa non viene mai come quella comprata o come quella dei ristoranti. La verità é che deve essere cotta per almeno 2 ore.... Se ne faccio in più il mio ragazzo ringrazia. Col ragù di porcini deve essere deliziosa!!!! :D

Carolina ha detto...

Quando ho letto ragù vegetariano ho pensato al ragù finto. Lo conosci vero Sere il mitico "sugo finto"? Ora che ci penso dovrei farmi insegnare dalla mamma come si fa...
Che gola queste pizzete perfettamente invernali!

Giovanna ha detto...

una ricetta fantastica

Donatella ha detto...

Quando mi avanza la polenta io sono felice, perchè posso consumarla anche il giorno dopo preparata in altri modi altrettanto buoni. Complimenti per questa bella ricetta... mi sono iscritta tra i tuoi sostenitori. A presto

eli ha detto...

Devo dedicare un post agli usi alternativi della polenta avanzata. :DDDDDDD
A casa mia è il contrario, tutti si lagnano se la polenta non avanza.
La tua ricetta del ragù vegetariano ha due qualità: è buona e veloce!
In perenne lotta con il tempo...copio subito!

Claudette ha detto...

Buttare la polenta avanzata? Quando mai!Si ricicla in tanti modi! Il più semplice: grigliata....
Claudette

Anna ha detto...

Veramente un modo fantastico di riciclare la polenta avanzata. A casa mia la ricicliamo anche tagliata a fettine e condita con sugo di pomodori, grana, mozzarella e origano, insomma delle pizzette! Ottime se non hai molto tempo a disposizione! Un abbraccio e grazie per essere passata da me!

Amaradolcezza ha detto...

visto che a casa mia adorano la polenta taragna ma ahimè è difficile trovarla mi segno subito la tua miscela così una sera la faccio!
un bacione
Giulia

sississima ha detto...

Gustosa questa ricetta, che non conoscevo, ma visti i prodotti ottimi quasi quasi...un abbraccio SILVIA

Micaela ha detto...

anch'io esagero sempre con le dosi della polenta, non imparo mai. Solitamente quella che avanza la affetto e la passo in forno il giorno dopo, diventa croccante e riesco a mangiarla volentieri, non avevo mai pensato a questo utilizzo. dev'essere buona fatta così!

Gio ha detto...

anche io esagero sempre e non solo con la polenta :D
quel ragù veg di funghi mi sconfiffera un sacco!