24 ott 2012

Torta di Carote ai Fiori di Cannella con frosting di Yogurt Maison al Limone



Torta di Carote ai Fiori
di Cannella con frosting di Yogurt Maison al Limone
Su questa torta potrei scrivere un romanzo.
Nel primo capitolo potrei raccontarti della prima volta che ho assaggiato con fare circospetto una torta di carote e di come, al primo morso, ho dovuto rinnegare ogni mia precedente convinzione riguardo ai dolci.
Il secondo capitolo riguarderebbe il tempo che ho passato a sperimentare e confrontare varie versioni di carote, con una piccola appendice su quello che, invece, ho impiegato a riflettere sul tradizionale cheese frosting, che non mi pare proprio le si addica. Ma ovviamente si tratta di un'opinione strettamente personale, probabilmente tu hai la tua ricetta vincente per un cheese frosting che si adatti perfettamente alla torta di carote, nel caso, ti pregherei di passarmela, perché quelle che ho testato io non mi hanno persuasa.
Dedicherei il capitolo tre alla spezia che ho scelto per profumare l'impasto, non la tradizionale cannella in polvere, ma i particolarissimi fiori di questa pianta. Quando ero a Zanzibar ho visitato una piantagione di spezie, dove la guida ci ha spiegato che della cannella si utilizza ogni singola parte e ciascuna ha un suo preciso aroma e impiego, sia in cucina che in naturopatia. L'odore della radice, ad esempio, lo ricordo balsamico e pungente, tanto che viene destinato prevalentemente alla cura delle malattie da raffreddamento.
I fiori, che in realtà sono i frutti essiccati, hanno un profumo e un sapore meno dolci e "rassicuranti" della cannella classica, quella tipica dei nostri Natali, entrambi sono più acuti e legnosi.
Capitolo quattro: il miele, che ho sostituito allo zucchero della ricetta originale, un miele millefiori artigianale, che ci ha regalato un paziente di Topy, tipo singolare, un pastore mormone che di mestiere fa l'apicoltore. Ci ha regalato un Kg di miele dal profumo molto intenso, molto diverso dal millefiori industriale, ha una nota di fondo che definirei quasi boschiva, simile a quella del miele di castagno, che adoro. Nel mio caso ha costituito il leit motif della torta, ma credo che utilizzando un millefiori normale il sapore dovrebbe essere più delicato.
Nel quinto capitolo parlerei dello yogurt autoprodotto con il quale ho realizzato il frosting: da prima dell'estate non mi preparavo lo yogurt in casa, ma da qualche giorno campeggiano nel mio frigorifero alcune bustine di fermenti Yogolife. Ne basta una, un litro di latte circa e una yogurtiera per ottenere 5-6 vasetti di ottimo yogurt maison, della consistenza che preferisci e, adesso, persino in vari gusti.
Come? Le istruzioni sul sito sono molto chiare e, per le prime volte, ti conviene seguirle: scegli i fermenti del gusto che preferisci, sciogli il contenuto della busta con un po' del latte, preferibilmente a lunga conservazione, per evitarsi la noia della bollitura, aggiungi il resto e aziona la yogurtiera secondo le istruzioni del produttore. Dopo 6-8 ore il tuo yogurt maison sarà pronto. Puoi colarlo, per eliminare il siero, ed ottenere così uno yogurt compatto, come quello greco, o mescolarlo con il siero stesso, per una consistenza più fluida (io lo preferisco così).
Per il momento ho provato solo i fermenti naturali e ho utilizzato lo yogurt ottenuto per questa ricetta e per un'altra, oltre che per la colazione, ti terrò aggiornata sui miei successivi esperimenti.

Tornando al mio romanzo sulla torta di carote, direi che posso considerarlo concluso e che cinque capitoli per un libro sono pochini, quindi, tutto sommato, è meglio che mi sia limitata a un post

Yogurt
Maison

Ingredienti:
Per il frosting:
Procedimento:
Grattugia le carote e le mandorle e lavorale a crema con tutti gli ingredienti liquidi. Quando il composto sarà omogeneo aggiungi la farina, il lievito e i fiori di cannella macinati.
Trasferisci l'impasto in una tortiera a cerniera da 20 cm di diametro e inforna a 180° per circa 40 minuti. Ti invito, però, a verificare i tempi di cottura in base al tuo forno, perché, personalmente, per una questione di risparmio energetico, ho usato lo Sfornatutto, quindi l'ho impostato a 150° e, dopo i primi venti minuti ho cominciato a controllare regolarmente attraverso la "prova dello stuzzicadenti".
Quando quest'ultimo uscirà dalla torta "pulito", sfornala e lasciala raffreddare, quindi rimuovi il cerchio, per staccare i bordi, infine ricollocalo sulla base (sì, so che suona un po' come scavare una trincea e poi ricostruirla, ma omettendo questo passaggio dovresti sformare la torta dopo averla guarnita e sarebbe difficile).
Prepara il frosting: ammolla la gelatina in acqua fredda per 10 minuti. Nel frattempo scalda in un pentolino il resto degli ingredienti e spegni il fuoco subito prima dell'ebollizione. Strizza bene la gelatina e aggiungila al composto, mescolando per amalgamarla. Fai intiepidire per 5 minuti, mescolando sempre, per evitare che si rapprenda, quindi colala sulla torta, ancora nello stampo.
Fai consolidare in frigo per almeno 5-6 ore.


Torta di Carote ai Fiori
di Cannella con frosting di Yogurt Maison al Limone

Questa torta è ottima in accompagnamento ad una tazza di the Darjeeling FTGFOP1 Monteviot BIO - FF 2012 L'Essenza del The, realizzato con la fioritura primaverile di quest'anno, che è stata particolarmente elevata da un punto di vista qualitativo e ci ha regalato delle belle foglioline argentate, dall'aroma fresco e vegetale.

Torta di Carote ai Fiori
di Cannella con frosting di Yogurt Maison al Limone

22 commenti:

CarlottaD ha detto...

Il tuo racconto mi è molto piaciuto. Intanto ho scoperto i fiori di cannella che non conoscevo e mi procurerò quanto prima.
Poi ho avuto la conferma sul miele. Uso anche io il miele grezzo di un piccolo apicoltore e trovo che il suo sapore sia molto più "acuto" ( non so come definirlo, mi pare più miele) del miele che si acquista.

Federica ha detto...

Per il cheese frosting non posso aiutarti, non ne ho mai sperimentato uno e non sono molto nelle mie corde in verità. Ma posso aiutarti a finire la torta se ne è rimasta qualche briciola :D! Quelle alle carote le ho sempre amate fin da piccola e adesso sono curiosissima per i fiori di cannella di cui non sapevo l'utilizzo.
Un bacione, buona giornata

P.S. se ti sei ricreduta per la torta alle carote hai speranze anche per il banana bread ;)

Anonimo ha detto...

Con il cheese frosting ho un rapporto strano. Ci sono giorni (o glasse al formaggio?) in cui lo amo e giorni in cui mi disgusta. Non lo so ecco... Mentre posso impazzire per una signora glassa al limone. :)
Buon mercoledì,
Caro

Grazia ha detto...

Whaooo! Fantastica! Bellissimo il racconto, perfetto e dolce assolutamente da fare. Appena ho tempo per i miei buongustai amici o in famiglia.Grazie! Cercherò i fiori di cannella che finora non conoscevo.

Ileana Pavone ha detto...

Buongiorno cara :)
Che bello il tuo racconto.. adesso però voglio i fiori di cannella!

lucy ha detto...

anche io non posso aiutarti sul cheese cake frosting, perchè la mia prova negativa!ma ti posso dire che anche io quando ho assaggiato una torta di carote mi sono ricreduta e ora la faccio spesso!

Chiara e Marco ha detto...

Torta alle carote per tutti i due :) che fai mi copi? Ahahah scherzo, il tuo tortaromanzo è molto più ricco :) il mio è più un esperimento, una bozza da mandare ancora all'editore :D


Marco di Una cucina per Chiama

SQUISITO ha detto...

ottima torta, golosa ed innovativa!
bravissima!
baci

Tina/Dulcis in fundo ha detto...

racconto stupendo cara Serena...la torta,potrei fare anche il bis,tris e cosi via...bellissime foto,come sempre ^_^

Vaty ♪ ha detto...

Io ho abbandonato il romanzo al cheese frosting! Sere per me tutto ciò e' arabo perché non sono uns cuoca sperimentatrice come vuoi! Pero' leggerti e' così stimolante :)
Sarà che ora ho piu confidenza ma appena vedo il tuo post mi esce Sorrisino--> ^__^
Eppure non sono un omino di penpepato ;)
Posso solo leggerti, ammirare le procedure di Frosting.. (pensa che il mio i phone non lo riconosce, continua a proponi Cristina!!!) e.. Venire per pranzo??
Bacione carissimaasaaa

Dolci a gogo ha detto...

Tesoro la torta di carote l'adoro e per il frosting io posso consigliarti questo:
250gr Philadelphia light
50gr burro ammorbidito
150gr zucchero al velo
comunque devo dire che il tuo allo yogurt mi stuzzica davvero moltissimo anzi la prossima volya visto che la yogurtiera è arrivata anche a casa mia proverò la tua versione!!bacioni,Imma

Vaty ♪ ha detto...

Come "voi" e non "vuoi", sorry darling :(

Serena ha detto...

Grazie a tutti!
@ Imma: grazie, forse il segreto sta proprio nell'affinare il formaggio con il burro, dettaglio che nelle mie ricette non era previsto!

Dolci a gogo ha detto...

si serena devi montare tutto insieme e poi spalmi sulla torta..vedrai che è perfetto!!baci

Saretta ha detto...

Ho esperienze solo con torte di carote ma, molto più semplici della tua e sul frosting alzo le mani!
Il paziente ormone mi ha fatto davevro ridere(e spero di non offendere nessuno) :)

Alice ha detto...

anch'io quando ho assaggiato la mia prima torta di carote ho cambiato proprio idea...all inizio (al solo pensiero) avevo la faccia schifata...ma al primo boccone ho cambiato subito idea :-) la tua mi ispira un sacco...e interessante il post, nonostante adori l aroma della cannella non sapevo se ne utilizzassero anche i fiori ecc :-)

Lorena ha detto...

che bella questa torta!!!! *__* a me il cheese frosting proprio non piace...quindi con lo yogurt può proprio andare! :P

Gio ha detto...

Bello questo mini romanzo, potresti anche non limitarti al post, quando parli di cucina potrei leggerti per moolto di più!=) però no entiendo.. il frosting di cui parli ti ha soddisfatto o no? Perchè è bellissima questa torta, da provare!
Per la mia speedy pizza, i tempi di cottura sono molto brevi, non li ho cronometrati, però l'importante è che si sciolga la mozzarella senza che il sotto si bruci!Se proprio vedi che la mozzarella non ne vuole sapere di sciogliersi, un attimo sotto il grill e via! Stendila non troppo sottile, altrimenti brucerebbe subito.. con le mie dosi viene su una pizza della dimensione di un piatto da portata,con un bel bordotto,non grandissima,va bene per una persona.. Fammi sapere, sono iper curiosa! =)

Monica Chiocca ha detto...

Ciao!! i fiori di cannella non li avevo mai sentiti! mi piace un sacco il tuo blog ! mi fa piacere rimanere tra i tuoi lettori!! ciao!!

La cucina di Molly ha detto...

La tua torta di carota l'hai raccontata molto bene, è molto golosa!Mi incuriosisce molto l'utilizzo dei fiori di cannella! Ciao

Serena ha detto...

Grazie a tutti!
@ Gio: sì, cara, il frosting allo yogurt mi è piaciuto moltissimo, era fresco e leggero, proprio adatto per smorzare l'aroma caldo della torta

giusy farena ha detto...

Se questa torta fosse un Romanzo vincerebbe il Primo Premio letterario Bagutta.!!
E' elaborata, armoniosa, dolce e acidula....insomma è un tripudio di sapori. Una vera e propria opera d'arte!