12 nov 2014

Ceci con Verdure

“Si mangia, si beve… e chi c’ammazza”.Il mio compagno ed io siamo incorreggibili: usciamo con l’intenzione di assistere a un dibattito sulla vinificazione in anfora e non ci prendiamo nemmeno il disturbo di affacciarci nella sala conferenze, ci fermiamo nell’area dedicata alle degustazioni; ci dirigiamo verso la biblioteca, che ospita la celebrazione del Capodanno Islamico, nell’ambito di un progetto interculturale, e deviamo per la gelateria; facciamo 50 km per un mercatino di filiera corta (e già qui ci sarebbe da opinare) e torniamo indietro non con bietole o cavolfiori, ma con Vin Santo, finocchiona e altre cose che non dovremmo mangiare, almeno io, se non altro perché sono reduce da un’ospedalizzazione lampo, di cui la mia latitanza la scorsa settimana.
Con questi precedenti e appurato che il collante della mia vita sociale e relazionale è non il sottile epicureismo, bensì l’ingordigia in stile baccanale (o party a Capitol City, dipende dal filone culturale a cui ti senti più vicina), mi sento quasi farisea nel proporti una ricetta legata a un progetto di educazione alimentare, quello promosso da Bioitalia attraverso i foodblog, per dare voce ai consigli della nutrizionista Concetta Mauriello. 



Il punto, però, è che non si può sempre assecondare la gola, come nemmeno negarsi tutto, e, senza arrivare a una sorta di bipolarismo gastronomico fatto di peccati capitali e quaresime, esiste tutta una categoria di alimenti/abbinamenti da rivalutare.
L’avresti detto che un’insalata di ceci può essere chic?


Ingredienti:

Procedimento:
Scola i ceci del liquido di conservazione e sciacquali brevemente. Mescolali con i germogli.
Sciogli il sale nell’aceto di mele, aggiungi l’olio e sbatti con una forchetta per emulsionare. Utilizza la
vinaigrette per condire la tua insalata e, se ti piace, aggiungi un po’ di pepe.




8 commenti:

Dolci a gogo ha detto...

Quanto ti capisco tesoro...io in questi giorni sono tornata a dieta,non ferrea ma credimi dall'estate fino a due giorni fa ho mangiato la qualsiasi quindi meglio darci un taglio e questa insalata cade proorio a fagiolo...leggera e gustosa e si tesoro cosi è tremendamente chic!!!Bacioni,Imma

Simo ha detto...

...super chic mia cara.
E oltretutto anche sana e leggera....che volere di più?!
bacio!

eli ha detto...

Quando ho voglia di cose sane, faccio anche io l'insalatina di ceci, ma aggiungo anche un pomodorino secco sott'olio tagliato finissimo (così è subito meno sana!)
Quanto alle conferenze, in primavera sono stata ad una presentazione di coltivatori biodinamici di riso, bene...non ricordo più cos'hanno detto, ma i risotti che abbiamo mangiato alla degustazione erano memorabili! ahahahahah!

Raffi ha detto...

ottima questa insalata, leggera semplice e deliziosa!

Ketty Valenti ha detto...

Spero la tua visita ospedaliera non sia stata importante e che ora ti sia ripresa....ma credo di si!!! la tua ironia mi fa morire dal ridere,te lo dico!
detto ciò ovviamente mi piace la tua preparazione,originale la presentazione,a presto Serena.
Z&C

lucy ha detto...

bellissima idea.adoro i ceci e così sono molto chic, salutare e presentano benisismo!

elenuccia ha detto...

Si vive una volta sola quindi meglio godersela no? quindi viva la finocchiona e il vin santo! Ma visto che sono fan dei legumi non disdegno neanche un'insalatina come questa, molto elegante nella presentazione. Sai che non ho mai assaggiato i germogli?

Elena Siano ha detto...

Questa versione si addice a cosa mangiare dopo i miei peccati di gola che partono dal venerdi sera e finiscono la domenica! Diciamo che funzionerebbe da richiamo all'ordine il lunedi'...ma presentato cosi' sarebbe piacevole pero'!!!