22 feb 2017

Muffin al Cacao... e qualche riflessione...


Rileggendo i miei vecchi post quasi non mi riconosco… il tempo che dedicavo alla stesura del testo non era molto, eppure riuscivo a scrivere lungamente brani intensamente suggestivi.
Ho riflettuto spesso sulle cause della mia caduta di stile: un po’ di disaffezione, una maggiore riservatezza, molti piatti cucinati per me stessa, per nessuna occasione in particolare, privi, quindi, di quell’aura di pathos che aleggiava attorno alle mie ricette di un tempo, l’idea, in parte, che tutto ciò che si poteva dire attorno a un ingrediente è ormai stato scritto.


Senza volermi appellare a banali pretesti che giustifichino la mia innegabile pigrizia, credo che le ragioni siano in parte implicite nel concetto che sempre più sottende al mezzo informatico: siti e blog erano, inizialmente, assimilabili al testo scritto di vecchia generazione, la forma aveva una sua importanza, così come le sfumature, le subordinate e la molteplicità delle argomentazioni di cui tener conto, che si potevano far passare nel giro di un paragrafo.   

L’esplosione dei social ha rivoluzionato la comunicazione scritta privilegiando la sintesi e il focus del messaggio, che deve essere stringato e centrare subito il dunque. E sui social è giustissimo che sia così (anche se un minimo di attenzione in più alla sintassi non inficerebbe in alcun modo la brevità). 


Il problema è che l’utilizzo dello stesso dispositivo (PC, smartphone o quello che è) per accedere indifferentemente a FB, whatsapp, blog o file word, per non parlare dell’abitudine, sempre più diffusa, di leggere su kindle, anziché su carta, a livello inconscio genera confusione e ci porta ad applicare il diktat dei 160 caratteri anche laddove ci si potrebbe dilungare. Per creare atmosfera o per spiegarsi meglio.


Dopo questa lunga introduzione e una serie di foto che, per una volta, trovo quantomeno evocative, sarebbe lecito aspettarsi una ricetta non dico complessa, ma accurata e legata, magari, ad una storia… e invece sono semplici muffin al caffè e cioccolato, realizzati con un preparato professionale, secondo la ricetta base allegata, con pochissime varianti, e da consumare più come fine pasto che per la colazione, perché la texture è densa ai limiti della cremosità e si presta meglio a lusingare il palato che non all’inzuppo.


Non è da me abbinare la birra ai dessert, ma per la Red Rice Ale, resa speciale dall’aggiunta di un ingrediente speciale, il riso rosso, che le regala un colore sorprendentemente simile a quello del Vin Ruspo di Carmignano, a mio parere, è l’unico accostamento possibile: pur consigliata con piatti di pesce, l’intenso profumo di frutti rossi e vaniglia suggerisce, almeno all’olfatto, l’idea di una dolcezza che difficilmente riuscirei ad associare a una portata salata. In bocca, in realtà, risulta ben più risoluta, niente a che vedere con le framboises, e caratterizzata da una sensazione corposa e aromatica.



Ingredienti:
  • 400 gr di miscela per muffin (Miss Muffin Novaterra Zeelandia)
  • 130 ml di acqua
  • 4 cucchiai di olio di semi
  • (oppure la tua ricetta base preferita per muffin)
  • 2 cucchiai di cacao
  • 2 cucchiai di caffè in polvere
  • 2 cucchiai di distillato di nocciole (Haselnussgeist Roner)
  • 12 nocciole ricoperte di cioccolato o altri piccoli cioccolatini a tua scelta


Procedimento:
Setaccia le polveri in una fondina, in un’altra mescola gli ingredienti liquidi, quindi rovescia questi ultimi sui primi e mescola grossolanamente, senza preoccuparti troppo di eventuali grumi. Distribuisci il composto nella teglia da muffin, foderata con dei pirottini e guarnisci con un tartufino.
Inforna a 180° per circa 20’, finché i muffin non saranno gonfi e panciuti.

9 commenti:

Manu ha detto...

Sono perfetti per una merenda!
Ti abbraccio

Dolci a gogo ha detto...

Tesoro hai ragione...io non mi ritrovo proprio in tutta questa tecnologia tutto è cambiato ed anche i blog adesso sono solo un appendice dei vari social del resto mentre prima ti leggevano in 50 e magari erano anche li intenti a lasciarti un commento adesso basta un like e via senza nemmeno vedere cosa si propone...spero che non sia una morta lenta dei blog!!
I tuoi muffin sono davvero golosi e cara non molliamooooooo:-)))!!!
Bacioni,Imma

Claudette ha detto...

Oddio, mi hai rubato l'alzatina!

Raffaella ha detto...

sempre buonissimi i muffins....bravissima!!!!

elenuccia ha detto...

Le foto sono davvero fantastiche, ucciderei per quel tavolo ;-)
Forse hai ragione, i social ci stanno facendo perdere quella capacità descrittiva di un tempo. Anche io mi rendo conto di non riuscire più a "raccontarmi" come una volta. Non sono più capace di scrivere ma la capacità di mangiare invece è sempre presentissima :-)
L'idea di dolcetti scioglievoli, supercioccolatosi, suadenti mi ha conquistato subito.

Simo ha detto...

Comunque Sere, io resto quella che ero. Si, questa cosa del social ci ha assolutamente preso la mano, ma non ce la faccio ad essere diversa, io rimango sempre la Simo pasticciona che ha qualcosa da raccontare, i propri pensieri e pasticci attraverso queste pagine virtuali. E pii...chi mi ama mi segua...che ti devo dire?!
Bello questo post, le foto mi piacciono un sacco e pure la ricetta!
Ti abbraccio e...scrivimi quando vuoi...son sempre qui e mi farebbe piacere ;)

speedy70 ha detto...

Adoro il cioccolato, questi muffins sono irresistibili!!!!

Antro Alchimista ha detto...

Il mio blog ha quasi 9 anni, di alti e bassi ne ha avuti parecchi. Prima una sorta di diario, poi con il tempo ho avuto il blocco e riuscivo a postare si e no qualche ricetta veloce. L'ho anche abbandonato per diversi mesi e ora eccomi di nuovo qui con un blog "leggero" e tutto sommato che non si perde troppo in parole. Il blog un po' evolve con noi, cambiamo noi, cambia lui, cambiano le ricette è anche bello guardarsi indietro e vedere il percorso fatto :) Detto questo ma lo sai che i muffin che ci proponi li trovo molto chic? E trovi intrigante l'abbinamento da te proposto. Un abbraccio

susane ha detto...

Questo è il primo Ho appena visitato il vostro sito e lo trovo davvero interessante! Complimenti!

voyance gratuite par Email