05 mag 2009

Zuppa Piccante con Spaghetti di Riso e Omelette alla Menta

Annunciazione Annunciazione
Grazie alla segnalazione di un anonimo
trovo questo:
Siccome non ho mai subito un plagio, né pensavo di essere all'altezza di subirne, ho sempre ignorato le vostre precedenti invettive e i vostri provvedimenti e ora non so bene comportarmi...
Chi mi aiuta?
La ricetta di questa zuppa è più facile a leggersi che a farsi e il risultato migliore a immaginarselo che a mangiarlo.
E allora perché pubblicarla? Perché sono piuttosto nervosetta e penso che bloggare mi farà bene: un disastro culinario avvenuto ieri sera mi ha fatto piangere, convincendomi di non saper più cucinare, inoltre le due ore e 17 minuti impiegate stamani per raggiungere il mio ufficio, contro i 7 minuti abituali, hanno finito di incupirmi.
Del resto, il periodo di apatia gastronomica delle scorse settimane ha ridotto il mio archivio di ricette pubblicabili quasi agli sgoccioli e, se da un lato concordo con la teoria per cui è meglio postare un piatto alla settimana, ma che sia eccellente e ben fotografato, dall'altro diciamocela tutta: il mio lavoro mi annoia e preferisco aggiornare il blog.

In ogni caso, non è che questa zuppa sia cattiva; il punto è, casomai, che, leggendone la ricetta sul solito manualetto delle zuppe, mi era sembrata una roba semplicissima, da imbastire in fretta anche in caso di ritardo stratosferico sulla tabella di marcia che ogni giorno mi porta dritta dritta a sedermi al tavolo della cena e, per estensione, mi porterà dritta dritta al cimitero: ci pensate mai che, nella folle corsa quotidiana contro il tempo, in realtà, agiamo unicamente per concludere il più in fretta possibile il maggior numero possibile di impegni, non per guadagnare uno spazio per il relax, che non ci rientra mai, ma semplicemente allo scopo di toglierceli di mezzo e stipare nell'agenda qualche altra commissione?
Mi viene in mente, a questo proposito, un'opera di Michael Ende, lo stesso de "La Storia Infinita", immeritevolmente meno conosciuta, "Momo", che affronta proprio, attraverso una poetica allegoria, la problematica delle morse della fretta che ci attanagliano giornalmente, senza che, da questo scapicollarsi da un obbligo a un altro, si riesca mai a ritrovare, in fondo alla giornata, il tempo che teoricamente dovremmo aver risparmiato, come se i Signori Grigi della storia si appropriassero di ogni minuto guadagnato in questo affanno.
Scusate, sbarellavo, dicevo della zuppa: insomma, la verità è che il procedimento non è affatto semplice, è piuttosto sporchevole e prevede diversi passaggi.

E la zuppa che ne risulta non è superba, come credevo mentre mi perdevo nei meandri della sua preparazione, aggiungendoci, come sempre, del mio.
Ma è piacevole, questo sì, aromatica e piccante al punto giusto, inoltre, non essendo particolarmente ricca, si presta anche ad essere consumata con questo (lieve) rialzo delle temperature, magari tiepida anziché bollente.
L'unico suggerimento che posso darvi è di spezzare gli spaghetti abbastanza minutamente, perché altimenti diventa disagevole mangiarla.
Ingredienti:
  • 1 lt di brodo vegetale
  • 1 peperoncino
  • 1 cucchiaino di zenzero
  • 1 cucchiaio di aceto
  • 100 gr di germogli di soia
  • 100 gr di spaghetti di riso
  • 1 uovo
  • 1 manciata di menta sminuzzata
  • 1/2 cipolla finemente affettata
  • pepe
  • sale

Procedimento

Ammollare gli spaghetti come indicato sulla confezione, scolarli, tagliarli in pezzi piccoli e distribuirli in quattro fondine. Sbattere l'uovo con sale e pepe, aggiungere la menta e cuocerlo come per una frittatina. Arrotolarla e affettarla.

Far bollire il brodo con le spezie e l'aceto per 5 minuti e verso fine cottura aggiungere i germogli di soia. giusto il tempo di farli amalgamare.

Versare il brodo sopra gli spaghetti, appoggiare sulla superficie i rotolini di omelette e completare con la cipolla affettata.

31 commenti:

michela ha detto...

Interessantissima questa zuppetta!
Mi segno tutto anche se per ora trovo di difficile reperibilità gli spaghetti di riso.

Castagna e Albicocca ha detto...

Appena ho letto il titolo ho pensato tra me e me "perfetta",perché ho un bel pacchetto di spaghetti di riso a casa e la mia menta è bella rigogliosa! Credevo fosse velocissima...dovrò provarla ma non in una sera da rientro da lavoro, semrpe di fretta e furia
Abbraccio in pieno la tua teoria sul fare tutto di corsa, non c'è niente di più vero! Desideriamo quasi sempre vivere l'istante successivo piuttosto che goderci l'istante presente...Al lavoro non vediamo l'ora di uscire, usciti non vediamo l'ora di aver finito la spesa, poi di aver cucinato e infine di mangiare...
E così la giornata è passata, complice in tuttio questo il lavoro che ci occupa gran parte della giornata e che in certi peridoi è veramente noiosissimo...
Ci penso tantissime volte a questo...come desiderare che sia già domani, o ancor meglio il weekend per fare ciò che vogliamo...così viviamo da un weekedn all'altro,da un'estate alla successiva e intanto il tempo passa...
Vabbé troppo filosofica....Scusa, la mia giornata di lavoro oggi è mortale!
Cmq la tua ricetta a me piace, la segno insieme alle altre zuppe che hai postato!
Buona giornata, su su....che tra poco c'è la pausa pranzo! :-)))
Castagna

Juls ha detto...

UFFFA! Ti avevo scritto un commento lungo, poetico e filosofico e questo Mozilla del piffero me l'ha cancellato!
Riassumo..
1. zuppa buona da emulare, ho gli ingredienti;
2. un disastro culinario non equivale a nn saper cucinare, anche se è vero, ti senti un calimeno piccolo e nero (mi fa così quando penso ai miei muffin al succo di mirtillo che sembrano puntaspilli gommosi violetti)
3. baci!
Ju

Onde99 ha detto...

@ Michela: ma no, gli spaghetti di riso si trovano tranquillamente, anche all'Esselunga. Altrimenti puoi usare i capelli d'angelo, ma il risultato non è altrettanto orientale, mmmhhh...
@ Castagna: sposo tutto quello che hai detto, questo affannarsi continuo, allo scopo di risparmiare del tempo che... beh, mi aspetterei di ritrovare almeno alla fine della giornata, quando mi dovrebbero avanzare almeno due ore libere e invece al massimo riesco a leggere per un quarto d'ora, rubato al sonno... E quest'attesa del fine settimana, dell'estate, del Natale, che fa scivolare via tutto quello che sta in mezzo...

Onde99 ha detto...

@ Juls: è vero, gli insuccessi in cucina non sono obbligatoriamente sintomo di incapacità, ma spesso, quando mi capita, mi sento molto Penelope Cruz in Per incanto e per delizia, quando perde il dono: ho sempre sospettato che le mie abilità culinarie non fossero merito mio, ma di qualche folletto che mi soccorre in extremis... e se un giorno decidesse di non farsi più vivo???

sorbyy ha detto...

Che zuppetta invitante!!
Ciao

manu e silvia ha detto...

In ogni caso è originale! magari non eccelsa o comunque inferiore alle aspettative..ma al cucina è fata anch edi esperimenti no??!
un bacione

Lisa ha detto...

onde che buona!!! davvero originale..io me la segno!!! anche io oggi ho usato la menta :-D

Fra ha detto...

non avrei saputo scegliere parole iù adatte per descrivere lo stato in cui mi ritrovo sempre più ad affondare in questo periodo. Mi sembra di scapicollarmi per qualsiasi cosa debba fare ma alla fine il risultato di tutte le mie azioni non mi soddisfa nè mi da gioia...ecco questo per dirti che forse siamo esaurite in due
leggendo la ricetta effettivamente la zuppa sembra semplice e gustosa ma se mi assicuri che è un casino farla mi fide e almeno per il momento me ne tengo alla larga
Un bacione
fra

Micaela ha detto...

ciao carissima, di disastri culinari ne combino un sacco anch'io!!! non bisogna abbattersi, credimi!! mi dispiace per i lavori in corso sulla strada!!! ti capisco!!! capisco anche la noia quotidiana... Questa zuppa dev'essere buonissima! ho un pacco di spaghetti di riso che non aspettavano altro! un bacione.

Anonimo ha detto...

segnalazione

http://ricettario.orainonda.com/2009/05/zuppa-piccante-con-spaghetti-di-riso-e-omelette-alla-menta/

lise.charmel ha detto...

spesso scrivi delle cose così intelligenti e belle che io verrei qui a leggerti anche se postassi un'insalata scondita.
le tue riflessioni sul tempo somigliano un po' alle mie, quando la sera non vedo l'ora di mettermi a letto col mio libro, ma prima devo fare questo e quello e quell'altro ancora e finisce che non riesco mai a rilassarmi un po'.
venendo alla zuppetta, le foto sono comunque molto belle a vedersi!

Kitty's Kitchen ha detto...

DAI Ondina in questi giorni ti stai tirando giù di morale da sola! Ma dai adesso per la poca voglia di star ai fornelli e un insuccesso pensi di non saper più cucinare?? Io credo che sei bravissima... Ma non è che sei di quelle persone che con la primavera si impoltriscono!? DAIII! E' SOLO PER DARTI UNA SCOSSA! Sei bravissima e lo SAI!
La zuppa è favolosa!

Saretta ha detto...

Guarda, cerdi siamo in tante a condovidere lo stesso affanno e il medesimo sconforto nel vedere il tempo che scivola..soprattutto durante l'we o le vacanze.E' perciò importante godere anche degli attimi più piccoli di felicità( e cercarla anche nelle cose più semplici quindi..);è la carica x i giorni anonimi e grigi.
Quindi non sentirti sola ma, confortata da tante come te che ticapiscono ed ascoltano volentieri!Personalmente apprezzo molto la tua cucina e come presenti le pietanze :) coraggio!!!bacioni

Piccipotta ha detto...

onde grazie mille per le delucidazioni sulle tazze...
trovo comodissimo poter cucinare senza bilancia!!! :P
ti mando un bacione grande grande

Tania ha detto...

Buona!
Per il plagio (mi dispiace molto), guarda qui
http://stelladisale.blogspot.com/2009/03/blog-uniti-contro-il-plagio.html
spero possa aiutarti!

Onde99 ha detto...

@ Sorby: già, ma, come ho detto, non è così superba...
@ Manu&Silvia: direi quasi solo di esperimenti, almeno per me!
@ Lisa: corro subito a vedere come l'hai usata!
@ Fra: hai ragione, vivendo così finisce che niente, nemmeno affettare le fragole per una macedonia e trovarsi le dita impregnate del loro profumo dà più alcuna gioia...
@ Micaela: grazie, cara, sei sempre molto comprensiva nei confronti dei miei stati d'animo più irrequieti. Gli spaghetti di riso sono buonissimi anche asciutti!
@ Anonimo: grazie, provvedo
@ Lise: sei squisita, non credevo che le mie riflessioni potessero suscitare tanta compartecipazione
@ Kitty: sì, è vero, io odio la bella stagione e tutti questi fioriuccellinicolori mi snervano, non sarebbe molto più bello se tutto fosse secco?
@ Saretta: già, ma io senza rendermene conto sono invecchiata!!!

eli ha detto...

Come hai ragione! Tra l'altro siamo pieni di tecnologie che dovrebbero alleviarci il lavoro, lavatrici, lavastoviglie, computer ecc...ma la fregatura è che questi ritrovati tecnologici infernali, velocizzano il lavoro solo per creare spazio per infilarcene dell'altro :(.
Comunque coraggio, si dice mal comune mezzo gaudio, ma che ci sarà da "gaudiare" poi!
Ti devo comunque dire una cosa... le ricette semplici e veloci non sono poi così banali e per quel che riguarda il mio caso sono le più gettonate, mi capita raramente di potermi dedicare a preparazioni sontuose!
A presto.
p.s. Per i plagi so che qualcuno riesce a far chiudere addirittura i siti "colpevoli" , personalmente non sono un'esperta in materia :(

Onde99 ha detto...

@ Piccipotta: figurati!
@ Tania: grazie, vado subito a vedere
@ Eli: già, ma da oggi ho deciso che me la prenderò con assoluta calma!

Luca and Sabrina ha detto...

Abbiamo aperto il link, ti hanno copiaincollato la ricetta, il post, tutto quanto, è allucinante!
hai lasciato un commento in quel blog? comunque il nostro consiglio è di passare da Stella di Sale!
Quel blog mi sta dicendo Luca, ha scopiazzato ricette da un sacco di altri blog, è una vergogna!
La zuppa a noi non dispiace affatto, probabilmente però avremmo cotto la cipolla, perchè a crudo non ci ispira un granchè all'interno di una zuppa. Non smettere mai di sperimentare!
Un abbraccio
Sabrina&Luca

Nicole ha detto...

ciao! quando succedono disastri culinari(e succedono a tutti) non succedono mai alla pasta col pomodoro ma a quei piatti che ci portano via tempo, fatica e soprattutto nervi!!!questa zuppa mi piace molto proprio per il suo carattere orientaleggiante ma non troppo! una domandina: possiamo lasciare commenti sull'altro sito sotto la tua ricetta?ne ho qualcuno sulla punta della lingua che fa uscire la scaricatrice di porto che è nascosta(bè per chi mi conosce, mica tanto nascosta) dentro di me...

Onde99 ha detto...

@ Luca&Sabrina: avete visto che vergogna? Hanno copiato ricette da tutta la blogsfera!
@ Nicole: certo, puoi lasciare tutti i commenti che vuoi!

dolci a ...gogo!!! ha detto...

ecco ondina volevo proprio segnalartelo anchì'io questa cosa ma luca e sabrina ti hano gia detto tutto !!!!che vergogna davvero!!!baci imms

Nicole ha detto...

Ciao ho lasciato un commento ma naturalmente è in attesa di moderazione. Mi spiace per la situazione è davvero odiosa!immagino che il nervosismo si sia moltiplicato!!

dolci a ...gogo!!! ha detto...

ondina nientemeno mi hanno copiato una intera cartella dei dolci tradizionali almeno 6/7 ricette,guarda qui http://ricettario.orainonda.com/tag/dolci-tradizionali/
per nn parlare di tutti gli altri che ho riconosciuto.....che si puo fare????mah...senza parole!!

Romy ha detto...

Ma dai che sei bravissima! E' solo che il traffico ti ha innervosita, e ora vedi tutto nero....anche la zuppa, ci metto la mano sul fuoco, è ottima...anzi... al più presto la provo! Hai ragione...Momo è proprio un bel libro! Ti abbraccio :-)

Onde99 ha detto...

@ Imma: sì, ho visto, tutti i tuoi bei dolci rubati...
@ Nicole: già i commenti non sono visibili, figurati se li pubblicheranno...
@ Romy: Questa faccenda del traffico mi ha proprio innervosita, sì, chissà quanto durerà...

Luciana ha detto...

La zuppa dev'essere buonissima!
Volevo informarti del plagio ma vedo che sai già!
Hanno copiato anche il mio pancarrè!
Baci e buona serata!

fiOrdivanilla ha detto...

we we we. Ondina... ma che diavolerie dici?? non autoconvincerti proprio di un bel niente, non se devi pensare di non saper più cucinare, anche solo fosse una brutta metafora o modo di dire.

Il traffico? lo odio.. mi rende sclerotica, nervosa, pazzoide (parlo anche da sola in macchina dicendo parolacce a più non posso.
Se dovesse ricapitarti di trovarti nel trafficopensa a me, che in quel momento, in quel preciso istante (qualunque ora sia) io sarò molto probabilmente immersa nel traffico a supplicare il Signore che la prossima volta potrebbe evitare di liberare gli ospizi -_-

per il resto: i disastri culinari sono necessari se si vuole imparare...lo so, lo so, una grande cuoca come te non vorrebbe permettere accadessero.. ;) ma se quel disastro non fosse successo ora, probabilmente sarebbe avvenuto poi.
per la zuppa: le zuppe non mi gustano moltissimo, perché non mi soddisfano molto :( ma questa a dire ilvero mi ispira da come l'hai descritta.. a parte che adoro i germogli di soya... ma con tutte quelle spezie, tra le mie più amate, vuoi che non mi attiri??! dev'essere senz'altro buona!

un bacio Ondina cara... e mi spiace per il plagio, trovo veramente oscena questa cosa.

ti abbraccio.

Mariluna ha detto...

Ti nomino regina delle zuppe...le fai cosi' belle presetate e buone di sicuro...anche qui tempeature fredde e quasi tutte le sere siamo a zuppe calde...mi dovro decidre di farne qualcuna spaciale anch'io...latua la trovo saciale e di sicro gustosa.

ps:ancora plagi?!!!! ma che palle, non capisco perché la gente non si occupa di cose più interessanti che non copiare già quello che noi copiamo...hihihihi....;-)

Onde99 ha detto...

@ Luciana: sì, ho visto il tuo pancarré, una vergogna, guarda...
@ Fioridvanilla: ma guarda, a me un po' di fila non disturba, il problema è quando le code diventano chilometriche e si impiegano due ore per percorrere poche centinaia di metri: stamattina sono partita alle 7.30 e adesso muoio di sonno!!!
@ Mariluna: mi piace regina delle zuppe, sì, in effetti ne faccio parecchie e adesso ne ho in mente un paio con cui spero di stupirvi!!! Del resto, qui la sera fa ancora freddino e qualcosa di calduccio ci sta bene per conciliare il sonno!