7 mag 2012

Risotto sfumato all'Amaro con Stella Orobica

Risotto all'Amaro con Miele di Castagno
Forchetta da Spaghetti Broggi Linea Gualtiero Marchesi

Da circa un mese, ogni volta che preparo un risotto mi dico che sarà *sicuramente* l'ultimo della stagione, che presto farà caldo e che nessuno avrà più voglia di leggere post formaggiosi e filanti, figuriamoci di mangiare piatti che lo siano.
Da circa un mese preparo risotti praticamente due volte alla settimana, perché le temperature non accennano ad alzarsi, il che a me, amante del freddo, va benissimo, solo vorrei che smettesse di piovere, ecco.
Mi piacerebbe andare al mare, prima che orde di bagnanti schiamazzanti e l'odore dell'abbronzante al cocco rovinino la pace di certe passeggiate pigre sul bagnasciuga deserto. Mi piacerebbe salire al monastero di Camaldoli non per sfuggire al caldo torrido e trovarci una distesa di visitatori che sono lì per lo stesso motivo, ma per meditare nel silenzio delle foreste casentinesi, mi piacerebbe raccogliere altre erbe di campo e prendere un aperitivo in terrazza ammirando il tramonto, non sul divano guardando lacrime di pioggia che rigano le finestre, per poi ritrovarmi, improvvisamente, da un giorno a un altro, costretta a chiudermi in casa in atmosfera protetta e climatizzata per difendermi dall'afa.
Insomma, posso dire una banalità? Sei liberissima di ignorarla: non ci sono più le mezze stagioni.
Questo risotto, invece, è meno scontato della mia ultima affermazione e mi piacerebbe che, al contrario, gli prestassi attenzione: perché utilizza un brodo realizzato con un dado a basso contenuto di sale, privo di glutammato e altre schifezze e perché a fine cottura, subito prima della mantecatura con un saporito formaggio, richiede l'aggiunta di un tocco di ottimo amaro alle erbe. Se utilizzi, come spero, quello che ti ho consigliato io, l'equilibrio sarà perfetto e delicatamente erbaceo, con altri tipi di digestivi più decisi, per esperienza, posso dirti che rischi di ottenere un gusto troppo spiccatamente amaro, da stemperare, necessariamente, con un filo di miele, magari di castagno

Ingredienti:
Procedimento:
Porta a bollore un pentolino d'acqua (ca 2 lt).
Nel frattempo, affetta finissimamente la cipolla, pesta le bacche di ginepro e falli dorare con il burro di cacao e il dado. Quando gli anelli della cipolla saranno imbionditi e morbidi, unisci il riso e fallo tostare per un paio di minuti, finché i chicchi non saranno trasparenti. Sfuma con il Vinchef e alza la fiamma per farlo evaporare. 
Aggiungi poco a poco l'acqua ormai bollente, per portare il riso a cottura. Solo allora, fuori dal fuoco, versa il bicchierino di amaro, il formaggio grattugiato e amalgama bene. 

14 commenti:

raffy ha detto...

che risotto prelibato... complimenti tesoro... sei troppo brava!

dolci a ...gogo!!! ha detto...

Adoro i risotti e per me non c'è stagione quando mi scatta la voglia anche in piena estate li preparo e questo mi sa che è il prossimo..davvero molto appetitoso...qui si schiatta dal caldo invece l'estate è proprio arrivata!!baci,Imma

Federica ha detto...

Oddìo l'abbronzante al cocco no, pietà!!! Come si fa ad aevre il coraggio di usarlo non lo so, mi sentirei come appena uscita dal forno di una pasticceria!
Meglio il risotto, in tutti i sensi :) Bacioni, buona settimana

lucy ha detto...

no il risotto sempre! anche se siamo in estate perche' mi piace troppo!ottimo e gustosissimo questo!buona settimana!

Cey ha detto...

Anche io sto continuando a fare risotti e il tempo mica cambia, uffa! Però mi consolo con il fatto che almeno i risotti sono buoni e me la sto godendo, come te del resto =)

Terry ha detto...

Un formaggio da provare.. Un risotto sublime! Non mi stacherei mai di risotti.. Manco io!!! Complimenti!

Giada ha detto...

Come si fa ad ignorare un risotto cosi'... Mi piace il riso in tutte le salse, e nonostante anche la mia voglia di caldo non mi stancherei mai d risottare =)).
IN piu' non ho mai provato a fare un risotto con l'amaro!

eli ha detto...

Come sempre i tuoi piatti sono di raffinata eleganza!
e di una bontà mai scontata!
Tant'è che mi vergogno un po' quando posto le mie ricette super speedy spesso dettate dall'esigenza di spicciarmi in cucina e pertanto poco ragionate.
:)))))

p.s. non preoccuparti per i lavori che giacciono. Noi abbiamo messo 23 anni per attaccare un corrimano al muro lungo le scale (non sto scherzando!)
Sei ancora perfettamente "nei tempi" per arredare lo studio! :DDDDDD

Carolina ha detto...

Adoro quel piatto con i cuori rosa e verdi. È bellissimo. Così come l'accostamento con il centrino e la scodella. Sei troppo avanti... :)

Manuela e Silvia ha detto...

Qui c'è il formaggio ed il burro di cacao a fare la differenza,e rendere decisamente sofisticato il tuo riso!
bacioni

Simo ha detto...

Sere, io il risotto lo preparo anche a ferragosto...sarà che sono una lombarda verace e appassionata di riso in tutte le salse...sarà che lo adoro...
Comunque questa tua versione mi intriga.....non conosco quel formaggio in particolare, ma sarà buonissimo, lo so!
Bacioni
P.s: quel centrino rosa è delizioso...;)

Micaela ha detto...

questo lo vorrei proprio assaggiare. Te l'ho detto che stanotte ti ho sognata? ho sognato che pranzavamo insieme in giardino e tu preparavi una vellutata con asparagi e patate e poi un risotto con le verdure ed io pensavo a quanto era tutto buonissimo!

L'omino con la chitarra ha detto...

... questo formaggio di cui parli si trova in Piemonte?

Giovanna ha detto...

un risotto molto particolare sicuramente da provare