23 giu 2014

Torrette di Pomodorini Grigliati, Polpettine Vegetali e Aperifresco


Oggi post telegrafico e ricetta altrettanto speedy, perché stasera ho l’esame FISAR di secondo livello e ho deciso che passerò la giornata a fare i conti con la mia coscienza sporca e la consapevolezza di non aver mai aperto i file con le dispense. Massimo pentimento e speranza nella mia buona stella.
Ma non potevo esimermi dal dedicare alla nostra Nazionale un ultimo finger food, in vista della partita di domani, augurandoci che il risultato sia meno infelice di quello di venerdì (anche se, per la verità, l’idea che abbia vinto un paese che ha azzerato la propria dotazione militare per dirottare le spese sulla sanità e l’istruzione non mi dispiace affatto).
Così, niente, degli stuzzichini da mangiare in un sol boccone o quasi e accompagnare con un calice (o due o anche tre) di bollicine biologiche e assolutamente all’avanguardia: PerlApp appartiene alla linea “giovanilistica” di Perlage Wines e si distingue per il packaging frivolo, completo di QR-Code, che permette di caricare un App contenente tante notizie curiose sul territorio di produzione.

Tecnicamente si tratta di un blend di Glera e Incrocio Manzoni spumantizzato con metodo Charmat. Il dosaggio zuccherino lo classifica come extra dry, una categoria che volentieri associo ai piatti vegetali dai forti sentori aromatici come questo: il profumo acidulo di Granny Smith e le note di fiori di campo, con tutta la loro carica erbacea, si accordano perfettamente alla succosità del pomodoro rapidamente grigliato, un’operazione che ne esalta la componente verde, alla densità pastosa delle polpettine vegetariane e al formaggio fresco spolverato di basilico.


Ingredienti:

Procedimento:
Metti a scaldare una griglia o una padella dal fondo pesante sul fuoco.
Massaggia delicatamente le polpettine con l’origano, irrorale con un filo d’olio e cuocile al forno, secondo le istruzioni sulla confezione.
Nel frattempo, taglia a metà i pomodorini, condiscili leggermente con altro olio e grigliali sulla piastra ormai rovente, il tempo di asciugarli un po’, quindi salali.
Sistema le polpettine pronte nella cavità che si sarà formata nei pomodori, sormonta ogni bocconcino con un Aperifresco e ferma tutto con uno stuzzicadenti.
E’buono sia tiepido che freddo



10 commenti:

Ale ha detto...

buonissima proposta e io adoro aperifresco!!! slurp!

Ale ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
elenuccia ha detto...

Veloce e sfizioso, cosa si può volere di più? il mio tipo di ricetta preferito

Claudette ha detto...

Tu quoque....io sono costretta alle partite da un figglio maschio in piena scoperta del calcio, ma tu?
Claudette

Elena Siano ha detto...

Bandierine pronte...questa preparazione allegra allenta la tensione per domani.....mipiace l' idea di grigliare i pomodori..provo!

Anonimo ha detto...

Non riesco a capire.
Le ricette sono diventate tutte:
-una scatola di XX pronto (marca)
-un sacchetto di YY (marca)
-due JJ (marca)
-un pizzixo di KK (marca)

seguire le istruzioni sulla confezione e servite!

Capirei (ma anche no...) se fossero tutti prodotti di altà qualità, ma non è così...

una volta cucinavi davvero, questo lo ricordo.

possibile che uno debba essere così alla frutta (gioco di parole, pardon) per citare una marca per ogni singolo ingrediente di qualsiasi ricetta?Addirittura "cannamela" per le spezie?

Già mi immagino le ricette quando avrai un bambino: "frullato di verdure insaporite con supreme di pollo, ingredienti:
-omogenizzato di pollo (mellin)
-due vasetti di verdure natura più (plasmon)"

Carla

lucy ha detto...

perfetti freschi e saporiti.Davvero un aperocena in linea con la partita e speriam bene!

delizia divina ha detto...

che bella ricetta sfiziosa!

Manuela e Silvia ha detto...

E danno proprio l'idea di un apetizer fresco, leggero e soprattutto sfizioso!
Baci baci

Serena ha detto...

Grazie a tutti :)
Carla, no, grazie a queste piccole citazioni (che francamente il tuo buon senso può decidere di ignorare) non sono alla frutta e posso condurre una vita un po' più di spessore rispetto a quella di tanta gente, che ridotta all'uscio, non può fare di meglio che scrivere cattiverie sui blog degli altri